rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Abbronzatura

Voglia di tintarella? Si, ma con cautela: ecco le creme solari fai da te

I consigli utili sono sempre gli stessi: evitare le ore di punta, prendere piccole dosi di sole per volta

Il maltempo - fortunatamente - sembra essersi arreso. La primavera inoltrata è pronta a lasciare spazio ad una estate che si preannuncia assai rovente. I dermatologi, come sempre, predicano attenzione agli amanti del sole. I consigli utili sono sempre quelli di evitare le ore di punta, prendere piccole dosi di sole per volta.

Non solo, tra i consigli degli esperti abbiamo anche quello di non dimenticare - prima di esporsi al sole - di idratare e nutrire ogni giorno la pelle sia dall'interno, bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno e mangiando più frutta e verdura, ma anche utilizzando creme ricche di sostanze emollienti.

Una pelle secca,  infatti, tenderà a screpolarsi rovinando l'abbronzatura. I momenti migliori in cui esporsi per una sana abbronzatura sono il mattino fino alle 11 e il tardo pomeriggio dopo le 15. Inoltre, se ci si espone al sole è necessario assicurarsi di proteggere le parti del corpo esposte più di frequente come viso, collo e mani.

Ecco qualche consiglio per una protezione solare low cost e fai da te

La premesse è doverosa, il consiglio è quello di approcciarsi -  nonostante la protezione - al sole con le dovute cautele. Secondo gli esperti di "Idea green" una delle formule vincenti per una protezione fai da te è quella a base di burro karitè e gel di aloe vera, ma anche un cucchiaio di ossido di zinco puro. Una volta avere reperito gli ingredienti fondamentali basterà:  sciogliere il burro di karitè nel forno a microonde, aggiungere gli altri due ingredienti e mescolare per bene fino a quando non si avrà ottenuto una crema compatta.

Crema abbronzante fai da te

Un'altra ricetta utile per una crema spalmabile fai da te, forse tra le più conosciute è quella composta da te all’olio di cocco e di oliva. Questa crema, però, non è protettiva ma abbronzante. Va, dunque, usata a piccole dosi e soprattutto solo dopo diverse esposizioni al sole con una crema protettiva. Secondo gli esperti la sua formulazione naturale è rappresentata da una crema solare fai-da-te a base di olio di oliva (150 ml), olio di cocco (50 ml), cera d’api (50 ml), gli immancabili 2 cucchiai di ossido di zinco e olio essenziale profumato (a vostra scelta, ne bastano 5 gocce). 

"Una volta procurati tutti gli ingredienti, miscelate fra loro la cera d’api, l’olio di oliva, l’olio di cocco e l’olio essenziale della fragranza che preferite: intuibilmente, la fragranza verrà rispecchiata nella crema solare fai da te e, dunque, cercate di sceglierne qualcuna di gradevole al vostro naso. Presi gli ingredienti, mettete il composto a bagnomaria per poter agevolare l’amalgama tra i vari ingredienti. Quando saranno sciolti e perfettamente fusi tra di loro, aggiungete anche l’ossido di zinco, e proseguite nel mescolare fino a quando il composto avrà una consistenza cremosa. Spegnete dunque la fiamma, lasciate raffreddare e poi versate in un contenitore. Aspettate un giorno, e avrete appena realizzato una bella crema solare fai-da-te".

Per quanto riguarda il livello di protezione solare che potreste ottenere, ricordate che un cucchiaio di ossido di zinco fornisce un fattore di protezione 10. Ne deriva che più cucchiai di questo ingrediente si pongono nella crema solare, e più si aumenta anche l’indice di protezione. In altri termini, con 2 cucchiai di ossido di zinco, come da ultima ricetta, si può ottenere un fattore di protezione 20.

Quando esporre la propria pelle al sole?

Per avere una produzione efficiente di vitamina D a livello cutaneo ci si deve esporre per almeno 30 minuti al giorno e con un'intensità che deve dare arrossamento della cute. Per abbronzarsi rapidamente e senza danneggiare la pelle è bene utilizzare una protezione adatta e non esporsi al sole nelle ore centrali del giorno. Solo così è possibile ottenere un'abbronzatura veloce evitando, al contempo, eritemi e scottature.

Il sole fa bene all'umore

Esporsi al sole infatti ha un effetto benefico sia sull'umore, dato che stimola il rilascio di serotonina, che sul corpo, stimolando la sintesi di vitamina D, essenziale per l'assorbimento del calcio nelle ossa. Inoltre la produzione di melatonina favorisce la regolazione del meccanismo sonno-veglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voglia di tintarella? Si, ma con cautela: ecco le creme solari fai da te

AgrigentoNotizie è in caricamento