Sabato, 13 Luglio 2024
Cucina

Alla ricerca del Pokè perfetto: ecco dove poterlo mangiare in città

È uno dei piatti fondamentali ella cucina hawaiana e significa tagliato a tocchi ed era il pasto dei pescatori preparato con i resti del pescato del giorno

Anche ad Agrigento spopola la moda del Pokebowl. Ovvero, un piatto hawaiano a base di pesce crudo servito come piatto unico, o appunto portata principale. È uno dei piatti fondamentali ella cucina hawaiana. Pokè significa tagliato a tocchi ed era il pasto dei pescatori preparato con i resti del pescato del giorno, abbinati a riso e verdure e servito in una scodella (da qui il termine bowl).

Il pokè ha conquistato anche la tavola degli agrigentini, diventando - in poco tempo - una portata cool ma anche con un importante valore nutrizionale. Questo piatto è apprezzato soprattutto dai più giovani, ma non solo. Anche i più "grandi" stanno scegliendo il Pokè per le loro pause pranzo. 

 Ad Agrigento sono diversi i locali che hanno messo in menù in tanto ricercato piatto. Abbiamo scelto i cinque posti dove potere mangiare un buon Pokè. In centro città troviamo: Yoshi sushi bar, in piazzetta San Calogero. iL Pokè viene servita sia con il riso normale, che con il riso sushi.

 Sempre in centro città troviamo Cusà Fish. Il locale si trova in via Pirandello 46, ed usa come base sia il riso basmati che quello venere, con la possibilità di mettere anche gli affumicati. Scrutando tra i locali della città, troviamo anche il Bonamorone bistrot. Tra le diverse proposte di menù, vi è anche la Pokè con il gambero rosso. 

A sud della città troviamo Ginza sushi Garden a San Leone. Un locale immerso nel verde dove potere gustare anche un'ottima Pokè bowl. Tra le "chicche" la Pokè cotoletta di pesce. Al Villaggio Mosè, invece, troviamo Gohan Sushi. Una location dove, oltre al sushi, si può gustare la Pokè anche con la spigola. 

Ecco il valore energetico della Pokèbowl

Il poke può essere considerato anche un cibo molto salutare. Si tratta di un piatto sano che permette l'assunzione di diverse sostanze nutritive con un buon bilanciamento tra vitamine, carboidrati e proteine. Il piatto è a ridotto contenuto di grassi. Il suo apporto energetico medio è pari a 300/400 kcal, e deriva da carboidrati complessi (riso), proteine ad alto valore biologico (pesce), grassi omega 3. Anche omega 6 contenuto in olio, avocado e frutta secca. Mangiare poke, inoltre,  può aiutare ad aumentare la massa muscolare, migliorare il recupero muscolare e ridurre il dolore muscolare. 

Regole per un Pokè sano

Scegliere una base di cereali integrali, come riso venere o integrale, ma anche la quinoa. Optare per un pesce ricco di acidi grassi omega 3, come il salmone (non affumicato ndr) ed il tonno, meglio se è crudo oppure anche cotto al vapore. Opzione anche per un buon pesce bianco. Aggiungere anche delle verdure crude, ma anche sale marino e alghe.  Da evitare invece l’aggiunta di più salse, formaggio spalmabile o ingredienti fritti. La pokè bowl è spesso servita con salsa di soia, ricca di sodio (attenzione soprattutto a chi soffre di ipertensione), da usare comunque con parsimonia, magari scegliendo quella iposodica. La stessa sapidità si può ottenere con succo di limone o spezie fresche o essiccate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla ricerca del Pokè perfetto: ecco dove poterlo mangiare in città
AgrigentoNotizie è in caricamento