Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Referendum sul taglio dei parlamentari, gli agrigentini disertano le urne

Si potrà votare fino alle 15 di oggi, ma l'affluenza di ieri è stata la più bassa in tutta la regione

 

Referendum confermativo della legge sul taglio dei parlamentari, la provincia di Agrigento continua a "snobbare" l'appuntamento con le urne e, a meno di uno stravolgimento nei dati di affluenz aper la giornata di oggi, si colloca all'ultimo posto in tutta la regione per numero di votanti.

Oggetto del referendum confermativo, spieghiamo, è la norma approvata dalla Camera lo scorso 8 ottobre 2019 che prevede la riduzione del numero dei deputati (da 630 a 400) e dei senatori (da 315 a 200). Una misura che ha spaccato l'opinione pubblica e i partiti, con chi sostiene che sia una perdita di democrazia che non porta alcun vantaggio economico reale (fronte del No) e chi invece la vede come una misura che consentirà di risparmiare fondi e migliorerà l'efficenza dello Stato (fronte del Sì).

Referendum confermativo, anche alle 19 affluenza molto bassa

Complice probabilmente il clima pre-elettorale in diversi comuni che saranno chiamati alle urne il prossimo 4 e 5 ottobre, la percentuale dei votanti alle 23 di ieri sera era del 24.26% a fronte di una media regionale del 24,78%. Il dato più basso in Sicilia.

Andando ai dati dei singoli comuni, spiccano il 32,27% di Camastra, il 32,78% di Aragona, il 32,84% di Sambuca di Sicilia, il 34,18% di Cammarata e il quasi 40% di Casteltermini (39.46%), il dato più alto in provincia. Non pervenuta, ma non sorprende, Lampedusa, dove alle urne si sono recati solo 9,17 cittadini su 100.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento