Politica

Coronavirus, Terrana (Udc) a Musumeci: "Sospendere tutte le attività non essenziali"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il coordinatore regionale dell’Udc Italia in Sicilia, On. Decio Terrana, trasmette la nota inviata al Governatore della Regione Siciliana, Nello Musumeci, affinché integri subito al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, la chiusura di tutti gli Uffici Pubblici e dei servizi non essenziali.

“Ho scritto al Presidente Musumeci – comunica il Segretario Regionale dell’UDC – affinchè si attivi per un’integrazione al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Dobbiamo sospendere in Sicilia tutte le attività non essenziali e ridurre al minimo gli spostamenti. Ho chiesto dunque che diventasse obbligatorio per le PA il congedo dal lavoro o lo smartworking da casa, lasciando attivi, in sola reperibilità, i servizi essenziali. Oltre ai Dipendenti Pubblici, è il caso di fermare altri servizi non essenziali come la logistica ed altri settori di non fondamentale importanza per la salute dei Siciliani”.

Il Coordinatore Politico dell’Udc Sicilia invita tutti alla massima serenità, a non rinunciare alla normalità, ma seguendo tutte le direttive Nazionali e Regionali che ci permetteranno di sconfiggere questo male al più presto.

“Finalmente è arrivata dal Governo di Roma la direttiva che tutti stavamo aspettando. Stiamo lavorando giorno e notte per permettere le migliori cure ad ogni Siciliano, ma prima ancora che curare dobbiamo prevenire – continua Decio Terrana – Abbiamo avuto più di 20 mila rientri dal Nord Italia, persone che si trovano ancora in isolamento volontario. Abbiamo un sistema sanitario organizzato e che può reggere l’emergenza, ma non possiamo permetterci la diffusione del Virus, dobbiamo riprendere tutte le attività al più presto. Vogliamo continuare a parlare di normalità, di politica. Davanti all’emergenza però dobbiamo fermarci e fornire massimo sostegno. Dobbiamo rafforzare le strutture ospedaliere per tutti coloro che dovessero manifestare difficoltà respiratorie; dobbiamo contenere la diffusione del virus ma anche garantire adeguata assistenza presso le strutture ospedaliere. E’ estremamente importante che l'assessorato regionale alla sanità si adoperi immediatamente a dotare ogni punto ospedaliero di un numero consistente di respiratori, indispensabili per tenere in vita ogni paziente durante le complicanze.

Amici e amiche, facciamo qualche sacrificio, tutti, e tra qualche giorno potremo dire di aver superato anche questo male che ci ha obbligato a cambiare le nostre abitudini. Non è il momento delle polemiche, né della distruzione. Pensiamo a uscirne al più presto, dopo di che potremo sederci, valutare ciò che è stato fatto e non è stato fatto, e potremo dedicarci al meglio a ricostruire l’economia del nostro territorio, a partire dalle P.IVA che, insieme alle strutture ricettive e ristorative, di più sono colpiti da questa grave crisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Terrana (Udc) a Musumeci: "Sospendere tutte le attività non essenziali"

AgrigentoNotizie è in caricamento