menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tagli alla sicurezza, intervento di Enzo Fontana

Tagli alla sicurezza, intervento di Enzo Fontana

Tagli alla sicurezza, intervento di Enzo Fontana

"Sono certo - ha detto - che il Governo si attiverà per scongiurare una simile prospettiva"

Il deputato nazionale Pdl agrigentino Enzo Fontana, interviene sulla ventilata chiusura degli uffici Dia, sottolineando l'impegno del Governo che "sta andando nella giusta direzione".

“La revisione dei tagli alla sicurezza e difesa disposti in tutto il 2011 - scrive Fontana -  compresi quelli prospettati nel disegno di legge sulla stabilità, rappresenta un atto di responsabilità che il Governo non può non compiere e ci conforta sapere che si sta muovendo in tale obbligata direzione. Per altro, l'aver già ridotto il taglio originario di circa la metà, unitamente all'assicurazione fornita al Ministro dell'Interno di integrare significativamente le risorse per l'ordine pubblico significa che l’esecutivo sta andando nella giusta direzione, evitando di proseguire  sulla strada della linearità del taglio. Nella stessa direzione - continua il deputato Pdl Fontana - va fatto ogni sforzo per non indebolire la struttura della Dia, così come è attualmente articolata sul territorio, tenuto conto che, come più volte ribadito dal presidente Berlusconi e dai suoi Ministri, la guerra alle mafie è una priorità del Governo. La Direzione investigativa antimafia, struttura voluta nel 1992 da Giovanni Falcone, negli ultimi due anni ha sequestrato beni a mafiosi per quasi 8 miliardi di euro e ne ha confiscati per un miliardo e 200 milioni. Nella originaria previsione i tagli non risparmiavano gli uffici investigativi e giudiziari di una provincia a riconosciuta alta densità di presenza mafiosa, con il conseguente rischio chiusura, tra non molto, della sezione della Dia di Agrigento con conseguenze esiziali in quanto salterebbero indagini, monitoraggi e analisi in corso, con notevoli disagi per poliziotti, finanzieri e carabinieri che già hanno denunciato questo tentativo di depauperare una struttura così fondamentale per la lotta alla mafia. Non potendo disperdere i frutti di tale impegno, finora portato avanti con professionalità e grandi rischi, sono certo - conclude Enzo Fontana - che il Governo si attiverà per scongiurare una simile prospettiva e per rassicurare quei servitori dello Stato che non ci stanno a vedere il crollo di un progetto che continua a dare grandi risultati nel contrasto alle attività illecite della criminalità organizzate e nel recupero di ingenti patrimoni millecitamente accumulati dalla mafia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento