Coronavirus, i pentastellati scrivono al presidente Conte: "Lo Stato non abbandoni i lavoratori"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

I Portavoce comunali del M5s di Casteltermini Luca Nobile, Filippo Pellitteri, Giovanni Giuseppe Antinoro e Rosita Mondello, hanno deciso di inviare una istanza al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e al Capo politico dei 5Stelle Vito Crimi. Con essa chiedono di valutare una proposta di sostegno economico nei confronti di partite Iva, Lavoratori autonomi, singoli cittadini, famiglie e finanche dei Comuni.

Le misure proposte dai 5 Stelle di Casteltermini si andrebbero, eventualmente, ad integrare con quelle già prontamente disposte dal Governo nazionale e, ovviamente, a quelle sul tavolo del Consiglio dei Ministri.

Nello specifico, per quanto concerne partite Iva e Lavoratori autonomi, non avendo questi ultimi potuto usufruire degli immobili e delle utenze utilizzate esclusivamente per le loro attività lavorative, gli aiuti riguarderebbero l'esenzione di Tari, IMU e Tosap, per tutte quelle attività economiche a cui è stato ordinato di sospendere o limitare la propria attività e o, comunque, che abbiano avuto comprovate perdite economiche, nonché il pagamento dei soli, eventuali, consumi di acqua, luce e gas. Singoli cittadini e famiglie, con un Isee inferiore ai 40 mila euro, potrebbero invece contare sulla esenzione di Tari e IMU, per tutti quegli immobili di cui non si è potuto usufruire nel periodo emergenziale in considerazione delle restrizioni.

Tutte le misure scorporative sarebbero ovviamente applicabili soltanto per il solo periodo emergenziale. Lo Stato, quindi, dovrebbe farsi carico, oltre che delle tasse sulle utenze, anche delle mancate entrate dei comuni in materia di tasse e tributi locali per i casi previsti nella proposta. Anche perché, se così non fosse, gli enti locali non saprebbero come garantire servizi necessari. Le misure varrebbero anche per i comuni che si trovano in uno stato di dissesto economico, ai quali secondo i 5Stelle castelterminesi dovrebbe consentire, almeno per tutto il 2020, maggiore disponibilità di spesa.

"La nostra proposta - dicono i 5Stelle castelterminesi - nasce semplicemente dal desiderio e dalla voglia di contribuire fattivamente, e in più direzioni, alla risoluzione delle problematiche innescate dal Coronavirus".

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento