Sabato, 13 Luglio 2024
I dati

Amministrative 2023, in 14 comuni è tutto deciso: ecco i nuovi sindaci

Nei piccoli centri si festeggia in piazza, a Licata affermazione di forza di Balsamo con il 70% dei consensi

In larga parte dei 14 comuni chiamati al voto ieri e oggi i giochi sono ormai fatti, anche se in molti casi mancano le percentuali definitive a causa di qualche sezione più "restia" delle altre a comunicare i dati.

Nel secondo centro più grande tra quelli chiamati alle urne, cioè Ravanusa, è Salvatore Pitrola, candidato di centrosinistra, a spuntarla per circa 500 voti su Kabiria La Loggia, sostenuta dal sindaco uscente Carmelo D'Angelo.

A Grotte si è andati alla riconferma con 1700 voti di distacco del sindaco uscente Alfonso Provvidenza, mentre a Castrofilippo Totò Gioacchino Baio si è imposto su Ilenia Dainotto e sull'uscente Franco Badalamenti.

A Sambuca di Sicilia già festeggia Giuseppe Cacioppo, mentre a Cianciana è ormai certa la riconferma dell'uscente Francesco Martorana e a Joppolo Giancaxio è certa la vittoria di Domenico Migliara. A Licata lo spoglio è ancora in corso ma Angelo Balsamo ha al momento un vantaggio significativo sui propri avversari che dovrebbe superare i 70%. A Menfi Vito Clemente vince per 40 voti. A Calamonaci riconfermato l'uscente Pino Spinelli che ha battuto il giovane candidato Vincenzo Scorsone. A San Giovanni Gemini ha vinto Dino Zimbardo, mentre a d è sindaco Enzo Galifi. A Lucca Sicula è Salvatore Dazzo a vincere su Giuseppe Puccio, con un distacco di 170 voti. Tra i pochi sindaci riconfermati c'è Angelo Tirrito a Sant'Angelo Muxaro.

I seggi si sono chiusi alle 15 in tutti i 14 comuni della provincia di Agrigento chiamati al voto in queste amministrative 2023. Come spesso accade, solo intorno alle 16.40 sono arrivati i dati dell'affulenza, mentre in molti dei piccoli centri coinvolti dal voto lo spoglio era ormai in fase avanzata.

Così come ieri sera i dati della partecipazione alle 23 (diffusi in realtà solo stamattina) fotografavano un complessivo calo della partecipazione, anche il dato definitivo delle 15 individua una perdita di elettori del 7,34% su base provinciale. 

Il calo più evidente è quello di Calamonaci, dove si è perso il 5,33%, mentre il centro dove maggiore è stata la crescita della partecipazione è Sambuca con il +3,04%. I votanti complessivi sono stati in tutta la provincia il 59,10% degli aventi diritto, contro il 66,47% dei votanti del 2018.

Unico dato al momento certo è la vittoria di Francesco Cacciatore, sindaco uscente (e già riconfermato) di Santo Stefano Quisquina, che aveva come unico avversario il quorum. 

Alle urne sono andati i cittadini di Licata, Burgio, Calamonaci, Castrofilippo, Cianciana, Grotte, Joppolo Giancaxio, Lucca Sicula, Menfi, Ravanusa, Sambuca di Sicilia, San Giovanni Gemini, Sant'Angelo Muxaro e Santo Stefano Quisquina.

(Aggiornato alle 19.06)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative 2023, in 14 comuni è tutto deciso: ecco i nuovi sindaci
AgrigentoNotizie è in caricamento