Politica

Agrigento, è scontro tra sindaco e Consiglio, Trupia: "Sconcertato dalle parole di Zambuto"

Duro intervento del presidente del Consiglio comunale, dopo le dichiarazioni del primo cittadino che ha parlato di "forze economiche, imprenditoriali e politiche che condizionano l'andamento del Consiglio"

Aurelio Trupia

E' ormai scontro tra l'Amministrazione comunale del sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, e il Consiglio comunale. Soltanto pochi giorni fa il vicepresidente del Civico consesso, Giuseppe Di Rosa, aveva stigmatizzato le parole del primo cittadino, il quale – durante un'intervista ad una tv locale – aveva parlato di "forze economiche, imprenditoriali e politiche che condizionano l’andamento di questo Consiglio comunale". 

Ad alzare la voce oggi è il presidente del Consiglio, Aurelio Trupia, che senza mezzi termini parla di "esternazioni fine a se stesse,  che potrebbero trovare facile replica nel dire che l’Amministrazione Zambuto, in questi 7 anni di governo è costata alle tasche dei cittadini circa 2.100.000,00 euro".

"Ancora una volta, nostro malgrado, - dice il presidente Trupia - assistiamo sbalorditi alle esternazioni rilasciate dal sindaco Zambuto, che sono gravemente offensive e diffamatorie nei confronti di tutto il Consiglio comunale e di questo, io, in qualità di presidente del Consiglio Comunale, l’Ufficio di Presidenza ed i Capi Gruppo Consiliari, esprimiamo il nostro rammarico e disappunto. Sono dichiarazioni che rievocano scene di assalto alla 'diligenza' tipiche di una politica di vecchio stampo. Di sicuro la città, che in questo momento versa in uno stato di abbandono e degrado mai raggiunto negli ultimi anni, farebbe volentieri a meno di queste sterili affermazioni, frutto di una mancanza di dialogo tra Consiglio ed Amministrazione attiva, di argomenti da sottoporre alla pubblica discussione, cosa che questo Consiglio comunale, al contrario, ha fatto in termini di atti di indirizzo e mozioni che ad oggi, inspiegabilmente, non hanno trovato riscontro".

Sulle dichiarazioni del sindaco riguardanti i presunti condizionamenti del Consiglio, Trupia dice: "Sono affermazioni gravi, che gettano ombre e mettono in dubbio l’operato di questo Civico consesso, che mi onoro di presiedere, e che lo ledono nel suo complesso e che richiedono una immediata nota chiarificatrice in termini di nomi e fatti da parte del Sindaco, da effettuarsi nella sua sede naturale, cioè Aula Sollano. L’operatività e la laboriosità di questo Consiglio comunale e delle relative Commissioni consiliari, a difesa dei cittadini, della legalità e della trasparenza è sotto gli occhi di tutti e le affermazioni del sindaco non fanno che confermare il suo distacco con il Civico consesso, già evidenziato in varie occasioni e che oggi trova l’ennesima testimonianza. Nonostante le polemiche sollevate, e le accuse rivoltegli, sono sicuro che questo Consiglio comunale continuerà nella sua opera al servizio della città nella risoluzione delle complesse problematiche che attanagliano la città di Agrigento e gli agrigentini ed a tal proposito invito, ancora una volta, l’Amministrazione attiva ad unirsi in questa opera al fine di dare risposte concrete e risolutive e far rinascere questa città e portarla ai suoi antichi splendori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agrigento, è scontro tra sindaco e Consiglio, Trupia: "Sconcertato dalle parole di Zambuto"

AgrigentoNotizie è in caricamento