Rinvio delle imposte comunali, se ne discute in Consiglio

Non si tratta di un differimento particolarmente significativo almeno per tutte le tasse che scadevano entro giugno

(foto ARCHIVIO(

Arriva stasera in Consiglio comunale di Agrigento la proposta dell’Amministrazione comunale per ottenere il differimento dei termini di pagamento di tasse e tributi comunali in seguito all’emergenza economica connessa al “lockdown” e alla diffusione del Covid-19.

Aula “Sollano”, infatti, sarà chiamata a discutere (mentre in altri comuni si è proceduto direttamente con delibera di giunta) il progetto licenziato dagli uffici comunali che vede un differimento in alcuni casi anche abbastanza ridotto il termine di scadenza entro cui pagare le tasse senza incorrere in sanzioni. Questo perché di fatto la proposta (si dice perché si era in attesa di specifiche indicazioni nazionali) è arrivata di fatto due mesi dopo l’inizio del “lockdown”.

Andando nel merito, l’atto deliberato dalla giunta prevederà il differimento al 30 giugno di tutti i tributi con scadenza compresa tra 1 marzo e 30 giugno, cioè le rate della Tari 2020, l’imposta sulla pubblicità 2020, la tassa occupazione suolo pubblico 2020. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La proposta prevede, inoltre, il differimento dei termini di pagamento al 30 settembre 2020 dell’acconto Imu 2020, ad eccezione della quota Imu di competenza Statale, relativa agli immobili a destinazione produttiva classificati nel gruppo catastale D da versare entro il 16 giugno 2020, la Tari 2020, l’imposta sulla pubblicità e la tassa di occupazione di suolo pubblico solo “limitatamente ai contribuenti/soggetti passivi che hanno registrato difficoltà economiche, da attestarsi entro il termine del 30 settembre 2020 su modello predisposto dal Comune, a pena di decadenza dal beneficio, riguardo la condizione di titolare di attività economica industriale, commerciale, artigianale, agricola non compresa negli allegati 1, 2 e 3 del dpcm del 10.04.2020 o di attività economica o professionale che sia stata comunque sospesa a seguito dell’emergenza epidemiologica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento