Uniti per la città e Popolari e autonomisti: ”Mancato differimento dell’Imu, pagina amara"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

I consiglieri comunali di opposizione di Agrigento,Vullo,Picone,Vaccarello,Urso,Falzone,Borsellino,Sollano e Nobile esprimono profonda amarezza per la bocciatura dell’emendamento sul differimento dell’Imu al 16 agosto per i cittadini che sono stati privati di un’opportunità concreta in un momento di oggettiva difficoltà economica.

“Una brutta pagina quella di ieri che danneggia le fasce deboli presenti in città per cui vogliamo sottolineare che avevamo proposto l’ emendamento continuano i consiglieri,che andava nella direzione di allargare la platea dei beneficiari del differimento Imu,che purtroppo è stato bocciato per motivazioni politiche.

E’ chiaro che abbiamo cercato il dialogo con tutto il consiglio,lo stesso consigliere Vullo ha rimodulato e ripresentato l’emendamento per specificare ancora di più i soggetti in difficoltà economica,proprio per venire incontro alle esigenze di chi oggi soffre economicamente una situazione di reale criticità,ma non c’è stato nulla da fare,ho trovato un muro di gomma e scarsa collaborazione.Ci preme comunque ringraziare i 9 consiglieri che hanno sostenuto l’emendamento al di là degli schieramenti.

Differimento delle tasse comunali: ecco chi potrà beneficiarne

Il provvedimento tecnicamente aveva tutti i crismi per passare,se la risposta è stata che il settore finanziario aveva difficoltà a fare delle verifiche sui soggetti privati che potevano essere individuati come fasce deboli pur avendo gli strumenti di controllo e verifica,vedi autocertificazione e Isee entro il 16 agosto, era un percorso fattibile,segna pure il fallimento della macchina burocratica,oltre la chiusura politica da parte della maggioranza.

La verità è un’altra: i consiglieri di maggioranza dell’Amministrazione Firetto non hanno avuto coraggio e hanno seguìto la linea quella del primo cittadino che ancora una volta a parole sostiene i meno abbienti,nei fatti la linea politica dettata dall’alto segue altre logiche poco includenti per i cittadini in difficoltà economica.

Ieri sera si è perpetrata una brutta pagina per gli agrigentini e dobbiamo sottolineare che purtroppo qualche collega continua un processo di spettacolarizzazione del ruolo del consigliere in maniera distorto e fuorviante che non giova alla Istituzione comunale.”

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento