rotate-mobile
Il dibattito

"No al rigassificatore", confronto del Pd al circolo "Empedocleo"

"Affronteremo anche le questioni che riguardano i rischi potenziali relativi all’esercizio che un tale impianto industriale (classificato dalla direttiva “Seveso” tra i più pericolosi) comporta e i danni certi derivanti dalla sua gestione"

"No al rigassificatore di Porto Empedocle". A ribadirlo ancora una volta è il Partito democratico di Agrigento che ha promosso per giovedì alle 17 un confronto alla presenza di dirigenti Pd, rappresentanti delle istituzioni ed esponenti di associazioni ambientaliste.

"Svilupperemo la nostra riflessione - dice una nota - partendo da una valutazione del piano energetico nazionale e regionale e dagli impegni assunti dal nostro paese, nell’ambito della Cop30, per la decarbonizzazione e lo sviluppo delle energie rinnovabili. Affronteremo anche le questioni che riguardano i rischi potenziali relativi all’esercizio che un tale impianto industriale (classificato dalla direttiva “Seveso” tra i più pericolosi) comporta e i danni certi derivanti dalla sua gestione, quali: il raffreddamento e la clorazione delle acque circostanti; le limitazioni all’operatività del porto; la restrizione della balneazione; l’inquinamento dell’aria.
Verranno presentati anche i ricorsi delle associazioni ambientaliste contro il decreto regionale che proroga le autorizzazioni, già scadute, alla costruzione dell’impianto, nonchè le interrogazioni al parlamento nazionale ed europeo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No al rigassificatore", confronto del Pd al circolo "Empedocleo"

AgrigentoNotizie è in caricamento