rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Politica

Ordine del giorno contro il rigassificatore di Porto Empedocle: la Camera respinge

A presentarlo come primo firmatario il deputato Michele Sodano, la maggioranza però non ha accolto la proposta

La Camera dei Deputati ha bocciato oggi a larghissima maggioranza l'ordine del giorno presentato dal deputato Michele Sodano che chiedeva di scongiurare i lavori di costruzione del rigassificatore di Porto Empedocle.

A votare a favore del punto sono stati i deputati di Alternativa e di Manifesta (che lo hanno anche sottoscritto), mentre, Pd, M5S, Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia hanno votato contro.

In particolare, nell'ordine del giorno, si definiva il progetto "uno scempio ambientale" che, "oltre ad essere una mera speculazione, in alcun modo è risolutivo rispetto all’attuale emer- genza gas che sta investendo il nostro Paese, senza contare che i tre rigassificatori attualmente esistenti in Italia sono attivi solo al 30 per cento delle loro potenzialità". 

Nel documento si evidenziava come la città di Agrigento avesse già espresso la propria contrarietà con un referandum, e che il progetto, sostiene Sodano, "manca anche delle necessarie autorizzazioni, considerato che è scaduto il decreto di autorizzazione rilasciato dall’Assessorato all’Energia della Regione Siciliana, così come scaduto è il nulla osta della Soprintendenza".

Non solo, secondo Sodano, "nel progetto originale non vengono considerate le esigenze di sicurezza a tutela dei centri abitati vicini all’impianto, previste dalla normativa Seveso per impianti 'a rischio di incidente rilevante'. Il rigassificatore disterebbe circa 300 metri dalla Città di Porto Empedocle (oltre 18mila abitanti e a pochi metri da una scuola materna) e si situerebbe a ridosso della città di Agrigento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordine del giorno contro il rigassificatore di Porto Empedocle: la Camera respinge

AgrigentoNotizie è in caricamento