Sciopero dei netturbini a Favara, Palumbo: "Gestione del servizio disastrosa"

Ad intervenire è il segretario provinciale del partito "Rifondazione comunista"

FOTO ARCHIVIO

"Riteniamo non più tollerabile la gestione dell’emergenza rifiuti a Favara; oltre alla quotidiana disastrosa gestione del servizio, dobbiamo subire un collasso totale in tempo di gestione straordinaria e di crisi". Queste le parole del segretario provincinale del partito di rifondazione comunista, Antonio Palumbo.

"In questi giorni la città e letteralmente invasa da i rifiuti per lo sciopero dei netturbini,  non si sono previsti  i disagi che sarebbero nati dalla normale attività del mercato settimanale in mancanza di raccolta. Una domanda, ma qualcuno dall’amministrazione comunale o dei rappresentanti dello stato ha già incontrato i lavoratori in sciopero? Qualcuno - dice Palumbo -  si è chiesto come mai dei lavoratori hanno deciso di rischiare il licenziamento pur di ottenere i propri diritti? Quando il Sindaco decide di incontrare il prefetto ha ben chiare tutte le conseguenze delle proprie  azioni? Abbiamo - sottolinea Palumbo - come l’impressione che alla fine della crisi , a pagare saranno oltre a tutti i cittadini, gli stessi lavoratori che subiscono da mesi il sopruso di vedersi negato lo stipendio. L’amministrazione comunale ha già chiesto la rescissione del contratto? A nostro modo di vedere  è inutile chiedere improbabili risarcimenti o incontri con le autorità, l’amministrazione deve semplicemente fare tutto quello che è nelle proprie competenze non trascurando i legittimi diritti dei lavoratori;  alla nostra  citta  poco dovrebbero importare le giustificazioni delle ditte , le difficoltà economiche legate alla gestione del servizio negli altri comuni, il Sindaco deve pretendere il rispetto del contratto in caso contrario ne deve richiedere la rescissione . Non può, conoscendo perfettamente le dinamiche, l’amministrazione comunale con le sue distanze dal problema dei padri e madri di famiglia, essere complice delle ditte nel negare il diritto sacrosanto ai lavoratori di ricevere regolarmente il salario. Rifondazione comunista e i favaresi non lo sono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul lavoro: si ribalta il trattore e muore un 53enne

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Morta di malaria a 44 anni dopo una vacanza in Nigeria

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento