Li Voti difende il commissario Firenze: "Serve unità in questo momento"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Egregio Dottore Firenze,

mi scuso di disturbarla senza neanche conoscerla: sono un consigliere comunale di Ribera, rimasto molto turbato e preoccupato dalle critiche, a volte aspre, rivolte a Lei e a quanti sono preposti alla salvaguardia della salute nel territorio per avere scelto parte dell’ospedale di Sciacca da destinare e attrezzare all’emergenza Covid 19.

Non si è capito bene il come e il perché di tanta avversione a tale scelta, della quale scelta ancora oggi tanti non conosciamo le valutazioni di ordine sanitario, strutturale, strumentistico, operativo, medico-infermieristico, sicuramente ponderate e non avventate che l’hanno determinata.

Comunque, da inesperto in ambito medico-ospedaliero penso che una cosa certa c’è: il suo nutrito curriculum professionale pubblicato dalla stampa, come la specializzazione in Igiene, RSK Manager ed esperto in materia igienico sanitaria in ambito ospedaliero, solo per citarne due dei tanti, non mi sembra il curriculum professionale di un raccomandato, o di uno che si fa influenzare dalla politica. Tutt’altro.

Lei, dott. Firenze, ritengo sia stato scelto, in un momento delicato e drammatico per gli ospedali di Sciacca e Ribera, per le sue competenze professionali e manageriali, idonee a tutelare in emergenza la salute delle 100.000 persone del nostro bacino sanitario d’utenza, senza alcuna discriminante territoriale. E credo che a breve Lei vorrà e saprà bene illustrare, motivare e documentare il suo operato.

Dopo avere lamentato lentezze, ritardi, l’inadeguatezza dei nostri ospedali, dopo tanta preoccupata attesa di avere strutture ospedaliere in grado di fronteggiare la pandemia, assistere e curare gli sfortunati colpiti dal virus, suona veramente strano e bizzarro assistere alle rimostranze di chi vorrebbe riorganizzare e ricominciare tutto da capo, suppongo solo e soltanto per una incomprensibile e ingiustificato protezionismo.

Non so perchè l’ospedale di Ribera sia stato ritenuto inidoneo ad essere adibito all’emergenza Covid 19: se per le piccole dimensioni, se per l’inadeguatezza delle sue apparecchiature tecniche e assistenziali, se per la mancanza di tante specializzazioni di supporto. Forse anche per tanto altro che non conosco, ma questo sicuramente lo chiarirà Lei, Commissario dott. Firenze, l’unico incaricato e abilitato a farlo.

Oggi più che mai le competenze e le professionalità sono una risorsa preziosa ed indispensabile.

il pericolo che oggi sconvolge e stravolge la nostra vita, le nostre certezze, la nostra incolumità, la nostra sopravvivenza, il futuro del mondo, richiede l’impegno collettivo, la forza di tutti nel sapere fare squadra, la consapevolezza di essere comunità.

La drammaticità del momento impone a tutti calma, unione di intendi, solidarietà e condivisione, con scienza e con coscienza, soprattutto alle istituzioni.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento