rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022

Prorogato il reddito di cittadinanza, Di Caro (M5S): "Ecco dove e come in provincia i percettori lavoreranno"

Il capogruppo all'Ars del Movimento Cinque Stelle sulle innumerevoli polemiche: "Il livello di povertà, anche a causa della crisi pandemica, è aumentato. Il beneficio va razionalizzato, ma non assolutamente eliminato"

La legge di Bilancio ha rifinanziato - seppur fra le consuete mille polemiche - il reddito di cittadinanza. E' prevista una spesa di un miliardo l'anno. E' stata confermata, dal Governo Draghi, però una stretta con l'obiettivo da un lato di arginare gli abusi e le irregolarità, dall'altro di legarlo in maniera più efficace all'occupazione e all'inclusione sociale. Ma dove e come chi incassa il reddito di cittadinanza, in provincia di Agrigento, comincerà a lavorare?

AgrigentoNotizie ne ha parlato con il capogruppo all'Ars del Movimento Cinque Stelle Giovanni Di Caro. "I Comuni che in provincia hanno già presentato i progetti di utilità collettiva sono circa 10 o 11. Parliamo di Alessandria della Rocca, Aragona, Comitini, Licata, Palma di Montechiaro, Porto Empedocle, Raffadali, Sambuca di Sicilia, Santa Elisabetta, Siculiana, Agrigento e Favara. Piano piano, i percettori del reddito di cittadinanza cominceranno davvero - ha spiegato Di Caro - ad occuparsi dei servizi essenziali alla collettività: verde pubblico, piccole manutenzioni scolastiche, assistenza agli anziani e quei lavoretti che i Comuni non riescono ad espletare per carenza di personale. Superata la farraginosità burocratica, si inizia davvero ad utilizzare i percettori del reddito di cittadinanza. Ricevere delle somme per non far nulla crea una avversione nei confronti di una misura giusta e di civiltà che dovrebbe garantire un pasto caldo e un minimo di dignità sociale".

La legge di Bilancio ha introdotto appunto dei paletti: chi percepisce il reddito, avendo la possibilità di lavorare (tra i cosiddetti soggetti occupabili), rifiuta una offerta di lavoro congrua vedrà scattare un decalage mensile. Dopo il secondo rifiuto ci sarà la revoca del beneficio. "Il livello di povertà, anche a causa della crisi pandemica, è aumentato - ha concluso il capogruppo all'Ars del Movimento Cinque Stelle Giovanni Di Caro - . Il reddito di cittadinanza va razionalizzato, ma non assolutamente eliminato". 

Video popolari

Prorogato il reddito di cittadinanza, Di Caro (M5S): "Ecco dove e come in provincia i percettori lavoreranno"

AgrigentoNotizie è in caricamento