Domenica, 14 Luglio 2024
Politica

Consiglio comunale: Programma delle opere pubbliche, trattazione riviata

Il provvedimento, propedeutico all’approvazione del bilancio di previsione 2011, sarà trattato...

Il Consiglio comunale, nella seduta di ieri sera, ha provveduto ad un primo esame della proposta di delibera riguardante il programma triennale delle opere pubbliche, provvedimento propedeutico all’approvazione del bilancio di previsione 2011. La trattazione dell’importante strumento di pianificazione proseguirà questa sera con inizio dei lavori alle 19. Prima della discussione, il presidente del consiglio comunale Francesco Alfano, ha rivolto gli auguri al consigliere Calabrese per la positiva definizione del procedimento giudiziario per oltraggio ed espresso l’apprezzamento per l’operato della Magistratura perché ”ha risolto equamente una situazione che poteva coinvolgere anche il Consiglio comunale”. Calabrese è stato assolto dal giudice monocratico con formula ampiamente liberatoria (il fatto non sussiste).

Subito dopo la presidenza ha chiesto il prelievo del punto riguardante “l’annullamento in autotutela dell’articolo 28 del regolamento della tariffa di igiene ambientale”. Il regolamento, approvato dal Consiglio comunale nello scorso luglio recita che “per la tariffa dovuta per le annualità pregresse all'anno 2011, è concessa ai contribuenti perle violazioni per le quali non siano stati ancora emessi atti di accertamento o, qualora emessi, gli stessi non siano divenuti definitivi la possibilità di avvalersi della definizione agevolata, tramite il versamento nella misura del 100 percento della tariffa o della maggiore tariffa dovuta oltre agli interessi legali, con esclusione delle sanzioni. I contribuenti che intendono aderire alla definizione agevolata dovranno presentare entro il termine perentorio del 31 dicembre 2011 apposita istanza, indirizzata al Soggetto Gestore, alla quale dovrà essere allegata copia della ricevuta dell'avvenuto versamento dell'importo dovuto. Per il pagamento delle somme oggetto della definizione agevolata sono applicabili le disposizioni di cui all'articolo 26 del presente regolamento, fermo restando che il mancato rispetto dei termini della dilazione concessa, determinerà la decadenza dai benefici della definizione agevolata”.

A seguito di recenti disposizioni normative tale articolato è stato sospeso in autotutela dal Consiglio su indicazione del dirigente dell’ufficio di Ragioneria; successivamente si è proceduto all’esame del programma triennale delle opere pubbliche 2011/2013. Dopo la relazione del dirigente dell’Ufficio tecnico comunale, che ha riferito che il programma prevede la soppressione di alcuni interventi poiché già progettati e relativi alla via Unità di’Italia e quello integrativo per la zona di piazza Ravanusella, è stato introdotto il dibattito con l’intervento del consigliere Cirino, presidente della commissione Bilancio, che ha comunicato il parere favorevole della stessa; subito dopo, il consigliere Calabrese, presidente della commissione Lavori pubblici, ha comunicato che “la commissione non ha potuto esprimere il parere perché ha avuto delle perplessità che per i tempi ristretti assegnati che non hanno consentito di interloquire con gli uffici”. Il consigliere si è soffermato sul parere negativo espresso dalla Soprintendenza relativo al raddoppio della via Empedocle annunciando il voto contrario alla proposta del piano triennale.

Successivamente Cirino e Vita hanno manifestato il dissenso su un emendamento relativo al mancato recupero per  l’asilo nido di via Esseneto e al momento della votazione, alla presenza di 15 consiglieri, la Presidenza a norma di legge è stata costretta alla sospensione della seduta. Alla ripresa è mancato il numero legale e, pertanto, i lavori proseguiranno questa sera a partire dalle 19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale: Programma delle opere pubbliche, trattazione riviata
AgrigentoNotizie è in caricamento