Domenica, 16 Maggio 2021
Politica

Primarie "Agrigento2020", i candidati si presentano alla città

Presentazione ufficiale per i candidati della coalizione tanto criticata negli ultimi giorni per la presunta partecipazione di Forza Italia. Argomento che ha tenuto banco, seppur velatamente, durante tutti gli interventi. Capodicasa: "Firetto venga a votare, così potrà accorgersi se sono primarie farsa"

E' stata la prima uscita pubblica, quella di stamani, per i quattro candidati alle primarie della coalizione "Agrigento2020". Sul palco, oltre a Silvio Alessi, Epifanio Bellini, Piero Marchetta e Peppe Vita, anche il segretario provinciale del Partito democratico, Peppe Zambito, tanto criticato negli ultimi giorni per la presunta partecipazione di Forza Italia al tavolo. Argomento che ha tenuto banco, seppur velatamente, durante tutti gli interventi. 

"Io non credo a chi dice di essere al di sopra dei partiti - ha detto il candidato Silvio Alessi - . Sono convinto che il sindaco dovrà essere un alleato delle forze politiche, ma non schiavo dei partiti. Anzi, voglio rivolgere un invito ai parlamentari e ai massimi esponenti della nostra provincia: avete 'ricevuto' tanto da questa terra, adesso è il momento di 'dare' ad Agrigento e agli agrigentini. Tramite l'Akragas calcio ho restituito ai tifosi l'orgoglio di essere akragantini. Adesso dobbiamo lavorare per far sentire la gente orgogliosa di essere agrigentina". 

Dello stesso parere anche il candidato Epifanio Bellini, secondo cui "la presenza di un candidato della coalizione nella scheda elettorale sarà un valore aggiunto per questa campagna elettorale. Dobbiamo riscoprire l'amore per questa città. E bisogna tener presente che non ci sarà futuro senza legalità e trasparenza. Bisogna lavorare sulla macchina amministrativa, sul bilancio comunale, sulla protezione del territorio, sulla progettualità e sulle criticità della nostra città, cercando di trovare a tutto una soluzione".

Continuando a parlare delle polemiche nate dopo gli accordi tra Pd e Forza Italia e rispondendo alle accuse di "primarie farsa" avanzate dal candidato sindaco Lillo Firetto, il candidato Piero Marchetta ha detto che "l'accordo su un unico candidato rischiava di apparire poco chiaro e trasparente. Perché delegittimare le primarie? Noi siamo contro le candidature auto-referenziali. Oggi sentiamo entrare a gamba tesa contro la coalizione gente che per questa città non ha mosso un solo dito". 

A concludere gli interventi dei candidati, presentati da Paola Antinoro, è stato l'ingegnere agrigentino Peppe Vita, candidato della società civile: "Ci sono due modi per cambiare le cose che non vanno: o da partecipante attivo o da spettatore esterno. Si decide di rimanere fuori dai giochi quando non si crede ai partiti e a quello che fanno. Io credo che la democrazia, invece, non avrebbe senso di esistere se non ci fossero i partiti. Stiamo celebrando un momento di grande democrazia. Non si va da nessuna parte se non si riesce ad emozionare la gente, stanca della vecchia politica. Abbiamo una grande possibilità, forse l'ultima per questa città. E dobbiamo sfruttarla al meglio". 

A seguire è intervenuto anche Angelo Capodicasa del Pd, che - rispondendo alle accuse di "primarie farsa" di Lillo Firetto - ha confessato che non si sarebbe aspettato "una caduta di stile di questo tipo. Invitiamo anche Firetto alle primarie: domenica venga a votare anche lui, così potrà vedere che non sono una farsa". 

Parola, poi, a Michele Cimino del Pdr che, ringraziando Riccardo Gallo, si è detto pronto a sostenere con tutte le forze chiunque sarà il vincitore delle primarie. 

Per Piero Macedonio del "Patto per il territorio", invece, "le polemiche sulla coalizione 'Agrigento2020' sono iniziate quando qualcuno a Roma si è svegliato e si è accorto di quanto compatto e serio sia questo tavolo. Il 'Patto per il territorio' - ha detto Macedonio, rispondendo chiaramente alle polemiche sollevate dalla partecipazione al tavolo di Riccardo Gallo, vicecoordinatore regionale di Forza Italia e fondatore, insieme a Macedonio, del Patto - è composto da persone libere che rispondono alla propria intelligenza, anime libere vicine talvolta a taluni partiti, ma gente seria con la quale abbiamo deciso di condividere questo percorso".

Le elezioni primarie ad Agrigento si svolgeranno domenica 22 marzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie "Agrigento2020", i candidati si presentano alla città

AgrigentoNotizie è in caricamento