Immigrati accolti in ex hotel, consiglio comunale: "Scelta scriteriata"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Nei giorni scorsi, a Porto Empedocle, sono stati allocati 128 migranti presso il centro di accoglienza dell’ormai ex Hotel Tiziana.
Si tratta di una scelta che noi tutti consiglieri reputiamo del tutto scriteriata e non accettabile.
Viviamo un momento drammatico che impone alla cittadinanza di rimanere all’interno delle case, premunirsi di guanti e mascherine.
In un clima così esacerbato la decisione di  destinare un numero spropositato di migranti all’interno della suddetta struttura è da disapprovare e contestare con fermezza.
Riteniamo prioritaria l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo e la tutela della salute degli empedoclini.
Nessuno potrà mai affermare con assoluta certezza che tra i migranti non vi sia una singola persona che non abbia già contatto il virus.
Se così dovesse essere l’effetto per la collettività sarebbe disastroso, il  personale che opera all’interno della struttura diverrebbe veicolo di diffusione  a tutta la cittadinanza.
Un numero così eccessivo di presenze  non consente ovviamente un controllo ed una gestione del pericolo sanitario attento ed accurato.
Pertanto, chiediamo, al nostro Sindaco Ida Carmina di rappresentare la gravità delle scelta compiuta sollecitando soluzioni alternative ed immediate al Prefetto.
Il problema del Covid-19 non sarà di  semplice e pronta soluzione, lo sbarco dei migranti non si fermerà e non possiamo permettere che l’interesse di un imprenditore possa prevalere sul benessere dei nostri concittadini.
È fondamentale che la collettività possa trascorrere con la massima serenità possibile i mesi che verranno, eliminando del tutto il timore di possibili contagi esterni.
Vogliamo invitare il Sindaco ad avere pugno duro con le istituzioni ed al contempo intendiamo manifestarle tutto il nostro appoggio e sostegno nell’affrontare questo terribile momento che stiamo vivendo.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento