Pellitteri o Nicastro? La Cassazione deciderà sul futuro di Casteltermini

La corte si riunirà il prossimo 16 luglio per decidere sul ricorso proposto dall'ex sindaco poi ritenuto ineleggibile

(foto ARCHIVIO)

Giudizio elettorale per decidere chi, tra Filippo Pellitteri e Gioacchino Nicastro può essere sindaco di Casteltermini, la Cassazione ha fissato per il prossimo 16 luglio l'udienza.
Giunge quindi ad un passaggio decisivo una vicenda complessa che era iniziata alcuni mesi fa quando la Corte d’Appello, accogliendo il ricorso proposto da Pellitteri aveva dichiarato inelegibile Nicastro, consentendo al primo di subentrargli nel ruolo di sindaco.  Fu poi la Corte di Cassazione, cui Nicastro si era rivolto attraverso gli avvocati Rubino ed Impiduglia, a sparigliare le carte in tavola disponendo la sospensione anche di Pellitteri e spalancando le porte al commissariamento regionale.

Nel caso di accoglimento del ricorso in Cassazione, la carica di sindaco del Comune di Casteltermini verrà assegnata in esito alle prossime elezioni amministrative che si terranno tra il 15 settembre ed il 15 novembre 2020.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento