menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Domizio Mineo (foto Facebook)

Domizio Mineo (foto Facebook)

Domizio Mineo è ufficialmente candidato a sindaco di Palma di Montechiaro

Le demolizioni? "Seguendo le orme della Campania, inviterò la giunta regionale ad una sorta di 'sanatoria sociale per l'intera Sicilia' dei manufatti abusivi"

Lo ha annunciato su Facebook: "Non ci si può arrendere. Accetto la sfida e scendo personalmente in campo per guidare la nostra comunità". Lo ha scritto Domizio Mineo che con "Palma al centro" è ufficialmente il primo candidato a sindaco di Palma di Montechiaro.

LEGGI ANCHE: Le dimissioni di Pasquale Amato sono definitive, in primavera si andrà alle urne 

"L'assenza di decoro urbano e di cura delle arterie viarie, l'insopportabile pressione tributaria alla quale non corrispondono servizi adeguati, l'investimento di ingenti risorse finanziarie in appalti di discutibile economicità per i cittadini, l'incapacità di attirare flussi turistici diversi dai soliti pellegrini 'mordi e fuggi' e l’inadeguata progettazione di interventi infrastrutturali non hanno fatto altro che acuire il fenomeno migratorio dei nostri giovani, lo svuotamento del paese e la crisi di gran parte delle attività produttive, artigianali e commerciali di Palma. 

"Il quadro - scrive Mineo - è tragico e terribile. Ma non ci spuò arrendere, né possiamo più delegare chi, negli ultimi trent'anni, ha contribuito, sebbene Palma abbia le potenzialità per ergersi in molti campi su tante comunità siciliane, a farci sprofondare in coda a tutte".

LEGGI ANCHE: Pasquale Amato c'è, Eugenio D'Orsi no: Palma è in campagna elettorale 

Non è mancato, né poteva mancare, il riferimento all'aspra questione delle demolizioni degli immobili abusivi: "Spero vivamente che non sia troppo tardi - ha scritto Domizio Mineo - i tempi sono ristretti, ma non possiamo più, con i soliti girotondi politici di chi non si è mai veramente interessato a risolvere il problema, rimanere con le mani in mano attendendo le ruspe che il commissario La Mattina, per mandato e per ottemperanza a quanto dalla giustizia intimato, dovrà far intervenire, probabilmente, prima della scadenza del suo mandato. Bisogna scendere in campo e lo farò personalmente, senza tatticismi e mettendoci per primo la faccia, invitando la Giunta regionale a varare un provvedimento d’urgenza per l’istituzione di linee guida inerenti le misure alternative alle demolizioni ed avviare una sorta di 'sanatoria sociale per l'intera Sicilia' dei manufatti abusivi che dovrebbero essere abbattuti, ma sui quali l’attività di demolizione è sospesa da anni per mancanza di fondi pubblici, per l’impossibilità di essere eseguita in danno ai proprietari o per assenza di alloggi da assegnare a chi dovesse perdere con le demolizioni l’immobile ove generalmente dimora. La prossima settimana, andrò a Palermo a parlare personalmente con il presidente Crocetta per proporre, seguendo le orme della Regione Campania che si sta già muovendo in tal direzione avendo appena varato un decreto legge in giunta regionale, un modello di 'sanatoria sociale' per la Sicilia, per dare - ha concluso - speranza a Palma, per salvare il nostro patrimonio immobiliare ed attraverso esso rilanciare, così come è nel mio programma elettorale, lo sviluppo economico e la cura del territorio di Palma". 

LEGGI ANCHE: Nuovi ordini di demolizione, le prime senza il sindaco Amato

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento