rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Il dibattito

Movida e orari di chiusura dei locali, infuoca la polemica: "Serve sanzionare, non limitare"

Il capogruppo di Forza Italia al consiglio comunale Simone Gramaglia: "L'ordinanza ha favorito e favorirà una diminuzione degli avventori, anche notturni, che preferiranno altre mete, evidentemente più accoglienti, danneggiando pesantemente le attività economiche che fondano il proprio reddito sulla stagione estiva"

Da ieri e fino al 31 agosto - periodo considerato il più caotico dell’estate - la chiusura dei locali è fissata alle 3 solo il venerdì, il sabato e prefestivi, mentre tutti gli altri giorni, compresa la domenica, bisognerà cessare ogni attività entro le 2. A distanza di giorni e giorni rispetto a quando il sindaco Franco Micciché ha firmato l'ordinanza, in città si discute ancora. E talvolta anche in maniera veemente. A soffiare sul vento della polemica, stamani, è il capogruppo di Forza Italia al consiglio comunale Simone Gramaglia: "Il provvedimento adottato dal sindaco è sbagliato perché non si limitano le libertà delle persone su attività lecite per coprire l’incapacità amministrativa nel sanzionare le molestie da eccessi”.

La movida di agosto, ordinanza del sindaco: fortissime limitazioni e chiusure anticipate

“La pubblica amministrazione è organizzata attorno a decisioni in grado di far coesistere interessi diversi. In questo caso sono posti in discussione l’interesse all’impresa, alla reputazione turistica e alla tranquillità dei residenti. Nulla di più facile nel tenere assieme, purché si abbia la disponibilità a compiere atti doverosi finalizzati a controllare e sanzionare coloro che infrangono le regole - ha evidenziato Gramaglia - . Questa ordinanza ha unicamente favorito e favorirà una diminuzione degli avventori, anche notturni, che preferiranno altre mete, evidentemente più accoglienti, danneggiando pesantemente le attività economiche che fondano il proprio reddito sulla stagione estiva: imprenditori che hanno investito sul nostro territorio e che, dopo due anni di pandemia, devono fare i conti con una misura che pregiudica l’attività economica. Spero pertanto in un pronto ripensamento”.

L’ordinanza dispone anche delle regole per quanto riguarda il livello di emissione sonora degli impianti di diffusione audio con valori ben precisi che potranno essere verificati dal personale dell’Arpa attraverso appositi controlli strumentali. 

Movida e nuove regole in estate, la Fipe Confcommercio: “Risolvere i problemi con le sole ordinanze è un’illusione”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida e orari di chiusura dei locali, infuoca la polemica: "Serve sanzionare, non limitare"

AgrigentoNotizie è in caricamento