La Felice (FdI): "Stop alle multe per errata differenziata"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il portavoce provinciale di Fratelli d’Italia, Fabio La Felice, interviene a seguito  della notizia, messa in evidenza da vari organi di informazione locale, relativa al sanzionamento di alcuni anziani agrigentini per l’erroneo conferimento dei rifiuti negli afferenti mastelli.

Multe per errata differenziazione dei rifiuti, scoppia la polemica, Comune pronto al passo indietro


“Fa specie leggere della multa comminata dalla polizia municipale ad un anziano agrigentino ottantenne per avere messo un sacchetto di plastica nell’indifferenziata. Si tratta di un assurdo accanimento nei confronti di una persona appartenente a quella fascia debole di cittadini che, seppur tra mille difficoltà (spesso vivono da soli), rispettano le regole e pagano sistematicamente le bollette. Peraltro, l’ordinanza sindacale che prevede, tra le altre cose, multe in caso di erroneo conferimento dei rifiuti parrebbe contenere delle carenze che renderebbero le stesse sanzioni annullabili e che potrebbero esporre il Comune di Agrigento a contenziosi con esiti molto probabilmente negativi ed aggravi di spese a carico delle casse comunali. L’assessore Hamel metta il furore giustizialista da parte e dimostri maggiore sensibilità nei confronti degli anziani, possibilmente destinando le proprie energie ad apporre i necessari correttivi ad un sistema di raccolta dei rifiuti malpensato e fallimentare che ha portato immondizia e randagi banchettanti per le strade e davanti le case degli agrigentini”, queste le parole di Fabio La Felice.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento