Militari ausiliari della pubblica amministrazione, Curreri: "Comune di Sciacca aderisca"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Da oggi tutte le pubbliche amministrazioni potranno finalmente attingere al personale della Difesa in ausiliaria, a costo zero.

Il Consigliere Comunale Alessandro Curreri, Presidente della 1^ COMMISSIONE “AFFARI GENERALI E PERSONALE”, ha indirizzato una nota al Sindaco di Sciacca per invitarla ad aderire a tale programma.

Tutte le Pubbliche Amministrazioni (Nazionali e Locali) potranno attingere al personale della Difesa in ausiliaria, a costo zero. L'istituto dell'ausiliaria è infatti un periodo transitorio durante il quale il militare, in occasione della cessazione del rapporto permanente di impiego e, in alternativa, al congedo in riserva, può essere richiamato dalla Pubblica Amministrazione della sua provincia di residenza per un periodo di cinque anni. Senza alcun costo supplementare per la P.A., perché il militare in quei 5 anni continua a essere pagato dalla Difesa. Si tratta di uno strumento che è sempre esistito e sul cui inutilizzo già nel 2015 gli allora senatori del M5S Marton, Crimi e Santangelo erano intervenuti. La legge che obbligava a pubblicare questa lista esiste fin dagli anni ’70 ma l’elenco non aveva mai visto la luce.

Tale strumento negli anni disatteso, è stato messo finalmente a sistema, e pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’elenco. Curreri, con i componenti della Commissione che presiede, ha portato avanti serie ed

incisive proposte finalizzate alla predisposizione di convenzioni per i tirocinanti, convenzioni con il Tribunale di Sciacca per l’utilizzo, per lavori utili, dei soggetti con sentenze derivanti da reati di lieve entità, al Baratto Amministrativo. Quest’ultimo oltre ad essere una misura sociale aumenterà le risorse umane, integrando il lavoro dei dipendenti comunali in servizio.

Anche questa proposta va nella medesima direzione: implementerebbe l’efficienza della macchina amministrativa capace riflettendosi in termini di servizi offerti alla città. Ogni assessore della giunta potrebbe indicare le professionalità di cui ha bisogno per la realizzazione dei propri obiettivi: medici, ingegneri, manager delle risorse umane, esperti in pianificazione territoriale, esperti in sicurezza, informatici, biologi capaci di dare una mano nella redazione di un piano prevenzione rischi, Inoltre se qualcuno di questi esperti dovesse rifiutare l’incarico per due volte decadrebbe dallo status di ausiliare perdendo il relativo beneficio economico.

Auspico pertanto, viste le difficili condizioni in cui versano le casse comunali, che si scelga nel più breve tempo possibile di avvalersi di tali figure specializzate pronte a dare supporto e professionalità a costo zero per l’amministrazione. 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento