Liberalizzazioni farmacie, è polemica tra Arnone e Minacori

Il candidato a sindaco attacca Epolis: "Casta reazionaria", Minacori replica con un invito a leggere il programma del comitato

Paolo Minacori

La campagna elettorale regala polemiche e dichiarazioni di ogni tipo. Il candidato a sindaco Giuseppe Arnone replica a Paolo Minacori, portavoce del comitato civico Epolis. "Lo storico noto esponente della cultura di destra agrigentina" come lo definisce il consigliere comunale, si sarebbe espresso in modo negativo sulle liberalizzazioni delle farmacie in un'intervista alla stampa agrigentina.

“Siamo con il Governo Monti, che ha approvato le proposte del Pd - scrive Arnone in una nota stampa - aumentando il numero degli esercizi. Mente spudoratamente la parte reazionaria dei farmacisti, capeggiata localmente dal dottore Minacori, afferma che diminuiranno servizi ai cittadini e posti di lavoro. E’ vero l’esatto contrario. Il monopolio della vendita dei farmaci è una ingiustificabile situazione medioevale, che non conosce eguali nei paesi democratici e liberali.  La libera concorrenza fa sì che vi siano molti più servizi per i cittadini, ad un prezzo inferiore, nonché un impiego di giovani farmacisti presso le farmacie che si andranno ad aprire. Ed ancora, un incremento di occupazione nelle farmacie già aperte, che dovranno offrire servizi in un regime di effettiva concorrenza".

Le dichiarazioni di Minacori, in veste di farmacista, diventano motivo di attacco politico all'intero comitato. Attacchi che Arnone non si risparmia. "Adesso gli agrigentini avranno chiaro come la borghesia illuminata incarnata da Epolis difenda gli interessi dei cittadini, o quelli delle caste più reazionarie”.

Giuseppe Arnone

Ma arriva subito la replica del farmacista, portavoce di Epolis. "Le mie dichiarazioni - scrive Paolo Minacori - sono del tutto personali e da ascrivere esclusivamente alla mia sfera di professionista privato, non sono quelle del comitato Èpolis, né quelle dell’Ordine Professionale dei Farmacisti e neanche dell’Associazione Titolari di Farmacia. L’Avvocato Arnone vorrebbe portarmi sul campo di una polemica più o meno personale, è il suo stile quando comincia a delinearsi al suo orizzonte un avversario politico, mi dispiace deluderlo, non ci riuscirà per tre semplici motivi: il primo: perché non interessa ad alcuno, il secondo: perché, mio malgrado, non ho il tempo per rincorrerlo nelle sue affermazioni che ritengo affettuosamente provocatorie, il terzo: non sono un avversario politico".

Minacori conclude invitando Arnone a confrontarsi in termini di programmi e a leggere in anteprima quello redatto da Epolis e a contribuire. "Rischia di cadere su luoghi comuni così scontati che porterebbero la gente semplice, come me, a pensare che non avendo alcun programma per il rilancio di Agrigento né una visione di città per il futuro, colma le pagine dei giornali on line e gli spazi televisivi con argomenti di effetto e chiassosi, ma lontani anni luce dalle reali esigenze di una città che muore".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento