menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

GLI INTERVENTI: Le accise alla Sicilia, la soddisfazione della Politica

Gaetano Armao, assessore regionale per l'Economia
"L'approvazione da parte dell'Ars dello schema del disegno di legge voto per la modifica dell'articolo 36 dello Statuto regionale in materia di entrate tributarie consente di procedere ulteriormente nella definizione dell'annoso problema del trasferimento alla Regione Siciliana delle risorse relative alle accise. Ci auguriamo possa adesso trovare, nel ritrovato clima di coesione nazionale, tempestivo accoglimento da parte del Parlamento nazionale. In questi mesi abbiamo compiuto con il primo firmatario, Michele Cimino, un proficuo lavoro di integrazione del testo iniziale, così da giungere ad una formulazione che riconosce alla Sicilia non solo le accise sui prodotti petroliferi raffinati ed immessi in consumo nell'isola ma anche una congrua retrocessione (20 percento) di quelle dei prodotti petroliferi raffinati nel territorio regionale e immessi al consumo nelle altre regioni. Questa legge - ha concluso Armao - costituisce certamente una spinta verso il rafforzamento dell'autonomia finanziaria della Sicilia e consente di superare una incongruenza nella norma statutaria che escludeva la Regione dal percepimento delle imposte di produzione. Questa, come l'intero complesso delle norme sull'autonomia finanziaria regionale, deve trovare integrale e tempestiva attuazione come avvenuto per le altre regioni a statuto speciale del nord. E' questa la richiesta chiara e forte che avanziamo al governo nazionale".

Titti Bufardeci, presidente gruppo Grande Sud Sicilia
"Finalmente oggi l'Aula ha votato il disegno di legge che consentirà la modifica all'articolo 36 dello Statuto siciliano. Speriamo che celermente sia Camera che Senato approvino questa legge che consentirà che le imposte di produzione sia riservate non più allo Stato ma alla Sicilia. Una modica di un articolo  che, tramite l'attribuzione di una quota dell'Irap, tenderebbe a risarcire in un certo senso la Sicilia dei costi ambientali che derivano dalla presenza di grandi siti industriali nell'isola. Un ringraziamento  va al collega Michele Cimino che ha condotto una vera e propria battaglia per far si che finalmente sia restituito ai siciliani quello che spetta".

Paolo Ferrara, vicepresidente della Provincia regionale di Agrigento
“Esprimo ampio apprezzamento per l’impegno profuso dall’onorevole Michele Cimino nel mantenere solerte l’attenzione su una questione tanto importante per l’autonomia economica della nostra Regione. Il ddl  presentato dal vice segretario nazionale di Grande Sud, sottolinea quanto, nel delicato quadro politico che stiamo attraversando, il parlamentare abbia sostenuto con alto senso di responsabilità, con profondo rigore morale e con lungimiranza, un atto nell’interesse della Sicilia e dei siciliani, che garantisca un’autonomia di entrate alla Regione e, conseguentemente una ricaduta nelle casse degli Enti locali, tale da assicurare un reinvestimento delle somme da  impiegare, certamente, per il rilancio del tessuto socio-economico della nostra Provincia e della nostra Regione. Un grande  traguardo raggiunto dall’onorevole Michele Cimino che incoraggerà la Sicilia a compiere quel salto di qualità,  garantendo  e potenziando servizi e riqualificazioni in numerosi campi, contro ogni forma di marginalizzazione in cui è vissuta finora la nostra isola”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento