menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I netturbini incatenati (Foto archivio)

I netturbini incatenati (Foto archivio)

Netturbini a rischio? Presa di posizione: "I lavoratori non si toccano"

I consiglieri comunali Pasquale Spataro e Gerlando Gibilaro, intervengono in merito all'attuale situazione dei rifiuti

Il problema dei rifiuti non si placa. L’amministrazione Firetto starebbe pensando a dei tagli. Una sorta di rientro spese che inevitabilmente andrebbe a toccare il lavoro dei netturbini. "La politica e le istituzioni hanno il dovere di porre il rimedio ad un problema, ma senza generane altri, magari di maggiore gravità". Ad intervenite è il consigliere comunale, Pasquale Spataro. Il politico, prova a fermare sul nascere la proposta che arriva dall’amministrazione Firetto con la quale, per recuperare l’esoso esborso legato al trasferimento dei rifiuti nella discarica di Lentini, sarebbe pronta, nell’ambito dell’attuale bando, ad attivare la leva del cosiddetto quinto d’obbligo, procedendo ad un ribasso del 20 percento rispetto al costo complessivo del servizio.

"Questa scellerata operazione - spiega Spataro - se dovesse trovare applicazione, determinerebbe la perdita del posto di lavoro per una quindicina di netturbini e quindi inevitabili disagi e disservizi per la città. Il paventato taglio sarebbe la soluzione più facile, ma certamente la meno responsabile e la meno indicata. A mio avviso è un’ipotesi categoricamente da scartare a priori - osserva ancora Spataro - anche perché ci sono altri percorsi più efficaci e meno dolorosi da potere intraprendente. Firetto e Fontana farebbero bene, ad esempio, ad insistere sull’annunciata volontà di chiedere il risarcimento danni alla Regione per come è stata gestita la vicenda che riguarda la scelta della discarica. Ed ancora, essendo sopraggiunta questa novità, si potrebbe intervenire andando a modificare il piano finanziario e quindi la tariffa. In ogni caso, siccome il bando scadrà nel 2017, il costo aggiuntivo potrebbe essere scaricato successivamente, compensando poi questo ulteriore sacrificio economico con l’eventuale ristoro che arriverà dal contenzioso con la Regione"-

Sulla stessa linea d’intesa anche il consigliere comunale, Gerlando Gibilaro. "Ritengo doveroso ed opportuno - dice Gibilaro - esternare alcune considerazioni che attengono all'estrinsecazione dell'attività politica posta in essere dall'amministrazione Firetto pro tempore nell'era della rinascita e del cambiamento. Questa nota vuole essere uno stimolo di riflessioni per gli agrigentini, non solo questa amministrazione ad oggi non è stata in grado di creare nuove opportunità di lavoro per i tanti disoccupati della città di Agrigento, ma con arroganza e in spregio all'adozione del piano d'ambito approvato dall’assessorato regionale ai Servizi primari tenta di “minare” posizioni lavorative consolidate e tutelate. Tale scelta intrapresa dall'amministrazione non solo non può essere condivisa, ma va fermata. Dunque,  si esprime il secondo "No" ai tagli del personale, e nel contempo si Invita l'amministrazione Firetto a cercare e creare nuove opportunità di lavoro per i disoccupati della città di Agrigento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento