rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Politica

La Scala (M5s): «Niente "Fiaccolata" nelle vie Callicratide e Manzoni, zona penalizzata»

Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Marcello La Scala, interviene in merito alle variazioni decise per la "Fiaccolata" che ogni anno si ripropone durante la "Sagra del Mandorlo in Fiore"

Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Marcello La Scala, interviene in merito alle variazioni decise per la "Fiaccolata" che ogni anno si ripropone durante la "Sagra del Mandorlo in Fiore".

«Gli illuminati organizzatori della "Sagra del Mandorlo" - scrive La Scala - hanno deciso che la tradizionale "Fiaccolata dell’Amicizia" quest’anno si spegnerà in via Crispi. I residenti nelle vie Callicratide e Manzoni, che da decenni seguono anche dai balconi la manifestazione, quest’anno delle fiaccole non vedranno neppure lontanamente i bagliori. 

Anche in questa circostanza il sindaco Calogero Firetto - continua il consigliere - ha deciso di privilegiare il centro cittadino e sfregiare, con una decisione mai adottata da quando esiste la Sagra, la periferia della zona conosciuta come "Sottogas", in cui più volte è arrivato in campagna elettorale per annunciare mirabolanti interventi e strade da aprire in pochi giorni (ancora aspettano in via Dante).

Già penalizzati da strade malridotte, o chiuse, da mancanza di aree di sosta, dal traffico e dai problemi del venerdì per il mercato, dalla scarsa pulizia delle strade e dai vicoli bui, dalla totale mancanza di servizi per i giovani (ancora chiuso il Palazzetto dello sport) e  per gli anziani (neppure un campo di bocce o un giardinetto per loro), adesso questa parte della città subisce un’ulteriore umiliante mutilazione.  Niente vasetti qui e neppure fiaccole. 

Ma neppure la sfilata nell’ultima domenica della Sagra - aggiunge La Scala - vedranno i residenti delle vie Manzoni e Callicratide. Sarà una domenica come le altre qui, dove la città conosce solo saracinesche che chiudono e giovani che partono per trovare lavoro altrove e dove l’acqua arriva quando può, ma le bollette sono sempre più care. 

Perché - conclude - l’Amministrazione comunale, di questi cittadini si dimentica quando c’è la Sagra o per le novene di Natale, ma quando si tratta di far pagare tasse sempre più esose e in occasione delle campagne elettorali per vendere fumo (ma non quello delle fiaccole, solo quello delle bugie), stanno tutti in cima ai pensieri della Giunta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Scala (M5s): «Niente "Fiaccolata" nelle vie Callicratide e Manzoni, zona penalizzata»

AgrigentoNotizie è in caricamento