Politica

La famiglia che rischiava di annegare a Licata, Pullara: "Attivare subito il servizio di salvataggio prima che ci scappi il morto"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“Apprendo dell'ennesimo episodio di salvataggio nella spiaggia del Pisciotto a Licata. Stavolta a rischiare l'annegamento sono stati anche due bambini di 4 e 5 anni, salvati grazie alla tempestività e al coraggio del titolare di uno stabilimento balneare , di un carabiniere, un militare della Guardia costiera e un poliziotto che si trovavano al mare.. Ma è mai possibile che nelle spiagge di Licata non esista un servizio di salvataggio comunale che prevede la presenza di bagnini? Chiedo all'amministrazione comunale :Aspettiamo che ci scappi il morto?”

E' il commento del deputato regionale l'on. Carmelo Pullara.

“L'ennesimo episodio di salvataggio avvenuto stamane nel mare del Pisciotto-scrive Pullara – mi impone di tornare sulla questione ed evidenziare ancora una volta l'assenza nelle spiagge di Licata di un servizio di salvataggio comunale.

Non si può mettere a rischio la vita di bagnanti. Ribadisco -conclude Pullara- è triste notare come il salvataggio sia affidato a titolari di stabilimenti balneari e bagnanti presenti casualmente sul posto. Intendo rivolgere i miei complimenti al titolare del lido balneare Paolo Bennici, al militare della Guardia Costiera Giuseppe Licata, al Carabiniere Andrea Greco Polito e al poliziotto Gianluca Alaimo che, sprezzanti del pericolo, hanno tratto in salvo i due bambini e i due adulti che hanno rischiato di annegare. Sindaco e amministrazione comunale tutta si attivino una volta per tutte  e diano risposte concrete alla città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La famiglia che rischiava di annegare a Licata, Pullara: "Attivare subito il servizio di salvataggio prima che ci scappi il morto"

AgrigentoNotizie è in caricamento