Consiglio comunale di Ribera, l'opposizione: "Sindaco Pace? Situazione insostenibile"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

I sottoscritti Consiglieri Comunali, sono per l’ennesima volta costretti a prendere atto della totale inadeguatezza dell’Amministrazione Pace, sempre più allo sbando: l’ultimo episodio riguarda lo scorso Consiglio Comunale, andato deserto sia in prima che in seconda convocazione per mancanza del numero legale.

Non si può che prendere atto del fatto che il Sindaco non è neanche in grado di garantire la presenza della maggioranza, che di fatto non esiste più, e da tempo: diversamente, si dovrebbe ritenere che a Pace ed ai consiglieri della sua maggioranza non interessi minimamente l’approvazione dei punti portati all’attenzione del Consiglio Comunale, o che magari sono distratti dal clima estivo e preelettorale.

Solo grazie al senso di responsabilità ed all’impegno dell’opposizione si è potuto giungere, in passato, all’adozione di importanti provvedimenti per i nostri concittadini (quali la stabilizzazione dei precari con gli atti a tal fine propedeutici, solo per citare un caso recente): e tutte le sollecitazioni, proposte, idee,  che l’opposizione ha negli anni fatto verso l’Amministrazione, cercando di fare costruttivamente da pungolo e da sprone, sono rimaste colpevolmente inascoltate (da tempo il Sindaco non risponde neanche più alle interrogazioni).

Del resto è sotto gli occhi di tutti l’assoluto menefreghismo e disinteresse del Sindaco e dei suoi sodali verso qualsiasi forma di ordinaria ed efficiente gestione della cosa pubblica: purtroppo questa Amministrazione è solo in grado di fare qualche piccola operazione di facciata, unita – per quanto riesce – solo dagli interessi di potere e dalla gestione di una politica clientelare.
Siamo di fronte ad una maggioranza in frantumi, e nella sostanza i risultati sono purtroppo evidenti e catastrofici per la nostra comunità, con un’Amministrazione che negli ultimi anni ha solo saputo aumentare la pressione fiscale sui cittadini, in maniera spropositata e vergognosa rispetto alla qualità (inesistente) dei servizi offerti: zero pulizia, decoro, manutenzione strade, insomma nessuna capacità di gestire l’ordinario.

Con i conti del bilancio che non tornano (non osiamo immaginare quale possa essere ad oggi il disavanzo reale) assistiamo alla paralisi dell’attività amministrativa, tranne che per quanto riguarda la concessione di mance elettorali con qualche marchetta  ed elargizione di contributi (agli amici a vario titolo); e di contro,  i servizi importanti (come la mensa scolastica, la gestione dell’asilo nido, la sicurezza degli edifici scolastici, i servizi sociali per le fasce deboli,  etc. … e ci si ferma perché l’elenco sarebbe lunghissimo) vengono abbandonati.
Ormai la situazione è diventata per la nostra città insostenibile, per i tanti fallimenti frutto dell’arroganza ed incapacità di chi oggi ci amministra: l’unico aspetto positivo è che questa esperienza amministrativa sta finalmente giungendo al capolinea e finalmente la città potrà liberarsi da questo pesante e dannoso fardello.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento