menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Iniziativa del Pd agrigentino sul recupero dei Centri Storici

Iniziativa del Pd agrigentino sul recupero dei Centri Storici

Iniziativa del Pd agrigentino sul recupero dei Centri Storici

L’esecutivo provinciale del Pd: "L’urgenza della messa in sicurezza non può essere lasciata alla...

L’esecutivo provinciale del Pd, raccogliendo le preoccupazioni e le istanze di cittadini ed amministratori dei centri urbani siciliani, ha ritenuto di attivare un tavolo di lavoro per predisporre una iniziativa di disegno di legge sui centri storici. "I nostri centri storici e/o antichi - si legge nella nota del Pd - così fatiscenti e sempre più meno abitati, sono al collasso: hanno perso gradualmente, la loro funzione principale di luogo di attività di servizio e di artigianato. Sono stati individuati e salvaguardati con norme urbanistiche rigide come beni culturali inviolabili, ma, lungi dall’essere economicamente e socialmente produttivi, si sono trasformati in minacce drammatiche per le popolazioni: a Favara la tragedia ha fatto vittime innocenti, Ad Agrigento la tragedia si è sfiorata. L’incuria e l’abbandono hanno sempre una responsabilità di gestione ma, certamente, c’è un deficit di attenzione di pianificazione dei governi locali ed una insufficienza ed inadeguatezza degli strumenti legislativi".

"A livello nazionale allo stato attuale -  continua la nota - non esiste ancora una legge quadro che disciplini questa materia anche se sono numerose le iniziative parlamentari in corso  che riguardano la valorizzazione e il recupero dei centri storici di media e piccola dimensione. Tuttavia l’assenza di una legge quadro nazionale, non ha impedito ad alcune regioni di legiferare in merito con disposizioni più o meno capaci di attivare e finanziare processi di salvaguardia, recupero e valorizzazione di quei delicati tessuti urbani identitari che sono i centri storici. In Sicilia, tuttavia,  per una serie di ragioni il processo di aggiornamento e revisione del quadro normativo in materia urbanistica non si è sviluppato così come nelle altre regioni italiane. Il risultato è che oggi la Sicilia è l’unica grande regione italiana priva di un proprio provvedimento organico in materia di governo del territorio ed è l’unica regione nella quale continuano ad applicarsi le vetuste e sempre più anacronistiche disposizioni della legge urbanistica fondamentale del 1942, parzialmente aggiornate dalla Legge regionale 71 risalente al 1978. e da un successivo successivo del 1991 e da una serie di norme parziali e disorganiche".

"Si avverte la necessità immettere norme e risorse economiche - conclude la nota del Pd agrigentino - e che consentano alle comunità locali di operare con metodi veloci e moderni per mettere in sicurezza e valorizzare i centri storici e/o antichi. L’urgenza della messa in sicurezza e del recupero funzionale ed economico dei centri storici e/o antichi assume ormai proporzioni così estese che non può essere  lasciata alla sola responsabilità delle amministrazioni locali che vanno accompagnate e sostenute. Per le ragioni suesposte abbiamo ritenuto di attivare il tavolo di lavoro per predisporre le adeguate iniziative di disegno di legge sui centri storici che inizia i suoi lavori lunedì 12 dicembre alle 16,30 al Centro Pasolini – Agrigento via Atenea".

Hanno dato la disponibilità di partecipazione al tavolo di lavoro, i professori Nicola Giuliano Leone e Teresa Cannarozzo, prevista la partecipazione di deputati nazionale e regionali ed autorevoli personalità del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento