menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 -1435

-1435

Il "Grande Sud" e i giovani

Diverse le personalità che si alterneranno durante i corsi di formazione politica dedicati ai...

Il Dioscuri Bay Palace di Agrigento a partire dal 6 ottobre 2011 al marzo 2012, sarà "Scuola di formazione politico-amministrativa" per tanti giovani, ad organizzare queste giornate di studi, è stato il coordinamento provinciale dipartimento formazione politica di "Grande Sud". Il corso presentato stamattina da Barbara Garascia, da Mario Baldacchino, dall'onorevole Fallica e da Michele Cimino, si articolerà in otto giornate di studi che toccheranno diversi argomenti: si comincia il 6 ottobre con la "Prassi amministrativa e le regole degli Enti; il 28 ottobre si parlerà della nuova riforma elettorale siciliana; il 25 novembre si studierà il federalismo fiscale; il 16 dicembre sarà la voltà del futuro dell'ambiente, il clima e le risorse naturali; la semplificazione amministrativa sarà trattata il 21 dicembre. Due le giornate nel 2012 che concluderanno i corsi, il 27 gennaio saranno affrontati gli argomenti riguardanti il processo di integrazione in una società multirazziale; a chiusura del corso, il 3 marzo ci sarà la giornata dedicata al Sud ed innovazione: quale futuro per i giovani.

Diverse le personalità che si alterneranno durante i vari corsi, dallo stesso Michele Cimino a Gianfranco Miccichè,Titti Bufardeci e tanti altri professori ed esponenti della società civile, della scuola e dell'industria. Di rilevo anche la presenza del professore Enzo Lauretta.

Abbiamo chiesto all'onorevole Cimino gli scopi di questo corso di studi: "E' una iniziativa organizzata dai giovani del partito e dalla responsabile della formazione avvocato Garascia, io spero tanto - continua Cimino - che queste iniziative si possano organizzare in tutti i comuni della nostra regione per creare le condizioni per fare partecipare i giovani nel dibattito politico, nella consapevolezza che ormai il vero dramma è quello dell'occupazione giovanile, delle risorse, delle aspettative che bisogna potere dare ai giovani e la nuova classe dirigente della nostra regione. Io spero - continua ancora Cimino - che queste iniziative vengano recepite non come la volontà di strumentalizzazione politica, ma sopratutto come impegno ad aprire il dibattito a chi nel mondo accademico ma anche nelle scuole, vuole potere iniziare a valutare l'impegno politico, a pensare come rappresentare realmente le diversità che vi sono nei programmi elettorali nelle diverse liste e magari potendo anche partecipare, dando idee e contributi su come si vuole amministrare la città, la regione e magari come si vuole amministrare il Sud del nostro paese, che - conclude Cimino - rispetto al Nord, francamente, ha dimostrato negli anni un grande gap infrastitturale, sociale ed economico".


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento