menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raffadali, il consigliere Plano "consiglia" Di Benedetto

"La politica si fa giornalmente - afferma il consigliere - e non solo in determinate occasioni in cui fa comodo"

Il consigliere comunale Giuseppe Plano ha scritto all'onorevole Di Benedetto, a proposito del suo rifiuto ad un confronto col sindaco Cuffaro. Plano così scrive:

"Onorevole Di Benedetto, lo scontro piuttosto acceso e le accuse pesanti che lei ha rivolto all'amministrazione Cuffaro non la pongono nelle condizioni di rifiutare il dibattito avanzatogli, la realtà è che uno che si propone al giudizio della gente non può scoprire patetici stratagemmi perché oggi rifiuta il confronto pubblico, è un senso chiara di debolezza. Queste sono le vecchie tecniche di un modo superato di fare politica, di una scuola manipolatoria e goffamente levantina per rivoltare la frittata, come quando lei ha parlato del gettone di presenza, calpestando la dignità e la bontà di chi ha rinunciato da tempo (otto anni) ad un proprio diritto nell'interesse dell'Ente fin qui governato. Abbia notizia che anche i consiglieri comunali devono sostenere delle spese per compiere il proprio mandato. E mi creda, il merito va a tutti i consiglieri comunali che si sono succeduti dal 2005 ad oggi nessuno si può fare tutore dei soldi degli altri con l'aggravante se è fatto in modo subdolo come nel caso in argomento. Su questo argomento e sulle problematiche oggetto di determinazione da parte del consiglio comunale in questi cinque anni, è bene accolto qualsivoglia confronto. A merito di tutti i componenti dell'attuale consiglio comunale, mi consenta di anticiparle in poche parole tutto quello che è stato fatto fino ad oggi in consiglio comunale. Rispetto al passato è da sottolineare che sono cresciute le difficoltà perché l'economia non più ricca come un tempo, non permetteva di coprire le carenze amministrative e di conseguenza se non si è dotati di ottime capacità, i problemi diventavano irrisolvibili e rischiavano di trascinare verso il basso il paese, per tali motivi tutti i componenti del consiglio comunale hanno preso atto che essere eletti non voleva dire solo aver raggiunto un obbiettivo personale ma significava occuparsi con determinazione di tutte le problematiche, sociali e non, che ruotavano attorno ad alla comunità di Raffadali, uno su tutti i tributi, lo sviluppo, sono stati portati avanti tutti i progetti proposti dall'amministrazione Cuffaro e di persone che hanno avuto rapporti con le diverse realtà che ci circondano non solo a livello locale ma anche provinciale e regionale, sono stati finanziati tutte le opere d'interesse sociale es. parco giochi per bambini etc. La politica si fa giornalmente e non solo in determinate occasioni in cui fa comodo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento