menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I lavori del Consiglio comunale

I lavori del Consiglio comunale

I lavori del Consiglio comunale

Nel corso della seduta il presidente Alfano ha comunicato di aver inviato una nota al sindaco di...

Il Consiglio comunale, nella seduta di ieri sera, ha approvato ad unanimità dei presenti, la proposta di delibera riguardante il regolamento comunale per l’esecuzione di scavi su suolo pubblico e su aree soggette a pubblico transito. Si tratta di un provvedimento che stabilisce prescrizioni e responsabilità sull’esecuzione dei lavori effettuati da parte di aziende erogatrici di servizi e privati; la proposta, emendata in alcune sue parti, fissa delle regole sia sotto il profilo amministrativo che sotto il profilo tecnico.

Con l’adozione del regolamento “l’esecuzione dei lavori di scavo dovrà avvenire nel rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza garantendo la pubblica incolumità e la tutela del bene pubblico, con particolare attenzione alla rimozione dei detriti e alla protezione, segnalazione e delimitazione degli scavi aperti alla fine di ogni ciclo di lavoro e soprattutto procedere sollecitamente alla loro copertura”. Il regolamento fa riferimento soprattutto ai lavori di ripristino e stabilisce che “la ripresa in carico dell’Amministrazione non avverrà prima dell’avvenuto favorevole sopralluogo di verifica”.  Tale atto, predisposto dalla competente commissione consiliare che per alcuni mesi ha lavorato nella stesura dello stesso, eliminerà i disagi ai cittadini per le condizioni del manto stradale spesso disastrate per lavori di scavo.

Prima del’adozione del provvedimento e dopo le formalità di inizio seduta, il presidente del Consiglio comunale Francesco Alfano, ha comunicato ai consiglieri presenti il contenuto di una nota, inviata dal sindaco di Favara Rosario Manganella, sulla questione dei confini tra il comune di Agrigento e quello di Favara con particolare riferimento alla zona denominata “Favara Ovest”; il presidente ha manifestato la disponibilità ad un prossimo incontro per un ragionevole dialogo. “Mi confronterò dare delle risposte risolutive- ha dichiarato il presidente Alfano, ad una larga fetta della popolazione favarese che seppur dal punto di vista amministrativo fa parte del nostro Comune, sotto l’aspetto logistico fa parte del comune di Favara”.

Subito dopo si è proceduto alla discussione del regolamento per la esecuzione di scavi su suolo pubblico e dopo la votazione di quest’ultimo punto, il Consiglio, ha approvato un ordine del giorno, approvato ad unanimità dei presenti, che sarà inviato all’Assemblea regionale e alla competente commissione parlamentare ai Beni Culturali nel quale si chiede la “valorizzazione dell’ente Parco Archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento e la opposizione ad un eventuale declassamento”. Nell’ordine del giorno, concordato nella conferenza dei capigruppo dello scorso 24 agosto, viene chiesta una audizione da parte della Commissione parlamentare di una rappresentanza di consiglieri comunale. Sul provvedimento è intervenuto il consigliere Cirino che ha annunciato la presentazione di un disegno di legge, su iniziativa del partito “Forza del Sud”, che intende modificare la percentuale di introito, da parte del Comune di Agrigento, del costo del biglietto di ingresso nella Valle dei templi dall’attuale 30 al 70 percento. “Con questi introiti – ha dichiarato Cirino - il Comune potrà ricevere un notevole impulso finanziario che ricadrà nel nostro territorio”. 

Altro argomento trattato è stato quello relativo al “dibattito pubblico con i Dirigenti e gli Amministratori sulla mancata collaborazione con la Commissione consiliare V  sulle problematiche della scuola “Kolbe”; il consigliere Cordova, nel relazione sulla questione, ha chiesto una migliore fruibilità degli spazi esterni antistanti l’edificio con particolare riferimento ad uno spiazzo che parrebbe di pertinenza del Comune. Sulla questione è intervenuto il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale assicurando che, dopo i necessari accertamenti catastali, potranno farsi degli interventi migliorativi; subito dopo, Cordova, ha chiesto il rinvio della seduta a giovedì 3 novembre, con inizio dei lavori alle 19; tale indicazione è stata votata ad unanimità dei presenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento