Cinque Stelle: "Perplessità su convenzione tra Comune e Parco Valle dei Templi"

Il Meetup, insieme a Carlisi e Monella, ha scritto al sindaco

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il Meetup Cinque Stelle di Agrigento, insieme a Marcella Carlisi e Rita Monella, esprimono “perplessità sulla convenzione integrativa tra il Comune di Agrigento ed il Parco archeologico Valle dei Templi”. “L'11 agosto scorso – scrivono i Cinque Stelle - e' stata pubblicata in albo pretorio la determinazione dirigenziale con la quale il sindaco e l'assessore alla Cultura (il sindaco stesso) indirizzano il dirigente a determinare l'affidamento "fiduciario" ad alcune compagnie teatrali per le rappresentazioni all'evento denominato "Sere d'estate 2016" in virtù di una convenzione integrativa fra Comune e Parco siglata il 5 Agosto. Senza volere entrare nel merito delle compagnie affidatarie, vorremmo evidenziare una serie di perplessità destate dal documento. Premesso che trattasi di un accordo ove "(....) il comune si impegni a realizzare in raccordo con il Parco e nell'ambito della somma di 10.000 euro, la realizzazione di iniziative culturali, di ricerca e divulgazione allo scopo di promuovere e valorizzare il patrimonio culturale del Parco (...)" non è chiaro il perché si privilegi il "rapporto fiduciario" anziché – aggiungono i pentastellati - la pubblicazione di un avviso che possa coinvolgere nell'iniziativa le tante altre compagnie teatrali tagliate fuori dalla cosiddetta "fiducia". Molte le associazioni e le compagnie costituite da giovani; proprio gli stessi che sono citati nel programma del Sindaco, alla voce 'CULTURA' come " protagonisti indiscussi del percorso di rinascita”. Crediamo dunque che potrebbero esseri investiti più di 1800 euro (costo delle sere destate2016) e pianificare la istituzione di un concorso annuale a tema, in maniera da stimolare e valorizzare le tante risorse artistiche della città e generare un circuito virtuoso che sia da scenario attrattivo per i cittadini ed i numerosi turisti, nonché laboratorio culturale. 
Come in effetti, alla voce ' AGRIGENTO CAPITALE DELLA CULTURA ' del programma ci si impegna fermamente "nell'innesto delle nuove generazioni nei processi di sviluppo socio-culturale (....), attraverso UN'INVASIONE DILAGANTE SUL TERRITORIO E CAPACE DI FONDERE ESPERIENZE e travalicare le frontiere delle differenze fra popoli e civiltà per proiettarsi verso il mondo con una nuova identità e un nuovo pensiero". Ebbene: a quando, allora, questa invasione sul territorio cittadino di giovani? 
Quando ci arricchiremo del contributo permanente di tante risorse cittadine che, altrimenti, continueranno ad arricchire con la loro esperienza gli altri comuni vicini?
 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento