Sciacca, Curreri: “Serve un coordinamento tra i dirigenti comunali”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Alessandro Curreri, presidente della prima commissione Affari Generali interviene nuovamente su due argomenti già affrontati durante l’ultimo intervento in Sala Falcone-Borsellino e segnalate al Sindaco con note di indirizzo: 

Imposta di Soggiorno. Il regolamento non è ancora stato trasmesso in Commissione, sebbene siano stati fatti diversi solleciti. Tale regolamento, dovrebbe finalmente attrarre locazioni brevi, come ad esempio le case vacanze e definire la figura del responsabile fiscale. L'imposta di soggiorno dovrebbe essere realmente un gettito destinato a finanziare una vasta gamma di interventi connessi al turismo e al sostegno delle strutture ricettive.
Dovrebbe coinvolgere per davvero i rappresentati delle associazioni di categoria e far si che si possano creare delle nuove figure e nuove opportunità lavorative che in “rete” prendano per mano il turista accompagnandolo alla scoperta della nostra Sciacca.
L'imposta deve avere come stella polare lo sviluppo economico della città, seguendo metodo e criteri, deve rispondere alla domanda Internazionale diversiticata di Turismo paesaggistico, naturalistico, sportivo, congressuale che il mercato ed il nostro territorio ci hanno suggerito per anni. Il turismo deve creare lavoro, e conseguentemente anche l’imposta, per rispondere soprattutto ai nostri giovani, che formati brillantemente, spesso vanno a far parte degli staff di Hotels e ristoranti in tutto il mondo. 

Il Capogruppo del Movimento 5 Stelle, inoltre, afferma che secondo lui bisognerebbe istituire un coordinamento tra i dirigenti comunali di ogni settore e i rappresentanti degli enti gestori dei vari servizi, che operano a Sciacca. Ogni intervento effettuato nel territorio di Sciacca, va controllato seriamente, monitorato e coordinato, anche in relazione alla programmazione integrata. Prima di eseguire qualsiasi lavoro sulle strade o sul sottosuolo, il gestore dovrebbe, immediatamente informare i componenti del coordinamento se nel breve o nel lungo periodo, sono in programma altri interventi sullo stesso luogo, al fine di non intervenire più e più volte per ripristinare la stessa strada. Il coordinamento dovrà anche individuare le cause di eventuali cedimenti, con corrispondenze veloci (si pensi per esempio alle Vie Cronio e Molinari che rappresentano quei casi in cui non si riesce ancora a risalire alle responsabilità). 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento