Di Rosa: "Il presidente del Consiglio comunale apra gli occhi prima che sia troppo tardi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

In riferimento alle recenti esternazioni dell'assessore di Legambiente Fontana, relativamente alla tassa dei rifiuti i "Cittadini pagano di più perché troppi netturbini", il movimento "Noi con Salvini" rappresenta quanto appresso:

Come non mai, è il caso di dire, che su questo, si fa "Scuru e fuddra".

Mentre si discute sui motivi della caro-tassa sui rifiuti e sul paventato licenziamento di 23 operatori ecologici, il bravo assessore Fontana afferma: "La CGIL e i sindacati in genere fanno finta di non sapere o non capire che i dipendenti (rectus netturbini) non sono del comune di Agrigento ma della Società GESA……omissis….il rapporto operatore ecologico/abitanti, stabilisce che abbiamo il 40% di personale in più, quindi i Sindacati farebbero bene a cercare soluzioni per riequilibrare il peso che grava su Agrigento e gli Agrigentini".

"Pantalone non paga per tutti, abbiamo deciso di cambiare ragionamento", fin qui potremmo dire "infinitamente" bravo Assessore Fontana.

Peccato che egli, o "fa finta di non sapere e/o non capire" (per usare le stesse parole, che ha usato nei confronti del sindacalista della CGIL Buscemi e dei Sindacati in genere), che la sua Giunta comunale, di cui è membro, con propria delibera n.66 del 30 maggio 2016, il cui oggetto è furbescamente fuorviante perché elude il personale amministrativo della Gesa, con un impegno di spesa annuo di €.577.437,30 (non firmata dallo stesso "moralista" Fontana, che ad ogni buon conto si allega), tende a spianare la strada all'assunzione di 10 unità amministrative che, guarda caso, non sono dipendenti del comune di Agrigento, ma della società GESA, (precisamente come i 23 operatori ecologici).

Ma stavolta con una sostanziale differenza, i nomi dei 10 amministrativi fortunati, risponderebbero a parenti e amici dei galoppini che frequentano le segreterie politiche dei partiti che sostengono la Giunta Firetto, mentre i citati operatori ecologici sono figli di nessuno e vengono sfruttati dagli stessi galoppini nelle tornate elettorali.

Questa delibera, altro non è che un vero e proprio escamotage col solo scopo di garantire ai citati 10 soggetti, intanto lo stipendio, poi la graduale immissione tra il personale del Comune di Agrigento, e col tempo, a fari spenti, il definitivo transito nella pianta organica dei dipendenti comunali, senza alcun concorso !!

Com'è noto, il personale amministrativo, della GESA, è stato assunto senza alcun tipo di selezione ad evidenza pubblica, sebbene il mandato della "gestione" ( e non della riscossione del tributo) dei rifiuti fosse materia di diritto pubblico.

D'altronde questi 10 individui hanno gestito, per conto della Società GESA, le attività amministrative per tutti i 13 comuni dell'Ambito e per una questione di proporzionalità, tanto cara all'ASSESSORE FONTANA, sembrerebbero, per il nostro comune, tanti, tanti, tanti, ma davvero tanti, questi figli di un Dio maggiore e quindi per "tutta" la città di Agrigento ne sarebbe sufficiente soltanto uno, con la conseguenza che si potrebbe destinare la massa finanziaria dei restanti 9, per assumere stabilmente i 23 padri di famiglia.

Il Coordinamento provinciale

Noi con Salvini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento