menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Approvazione tariffe idriche, Arnone: "Se ne occupi la Procura"

Il candidato alla poltrona di sindaco attacca il Pd, Zambuto e i sindaci dell'Assemblea. Arnone: "Riempirò la mia campagna elettorale di contenuti"

"Riempirò la mia campagna elettorale di contenuti". Giuseppe Arnone si scaglia contro la mancata approvazione delle nuove tariffe idriche. Se la prende con i sindaci, "è tempo di finirla con questo scandaloso babbìo", afferma.

Va avanti dal 2008 la vicenda riguardo le tariffe. Adottata dal Cda dell'Ato idrico nei mesi scorsi, la nuova struttura tariffaria attende l'approvazione dell'Assemblea tramite voto di maggioranza. Il numero legale per procedere con le operazioni di voto puntualmente non viene raggiunto perchè assenti gran parte dei sindaci della provincia di Agrigento.

"Se non si approvano le tariffe, Girgenti acque non può ottenere il finanziamento necessario per permettere l'inizio dei lavori di completamento della rete fognaria e del depuratore". Arnone chiede che la faccenda venga risolta dalla Procura della Repubblica. I sindaci, a parer del consigliere comunale, non si riunirebbero per non perdere le tariffe attuali che risultano più vantaggiose di quelle che si andrebbero ad approvare.

Non poteva mancare la battuta al Partito democratico. Arnone invita Emilio Messana, segretario provinciale del Pd,  a spiegare la ragione del perchè non andrebbe commissariata l'Assemblea dell'Ato idrico. Un attacco rivolto anche al sindaco, "Zambuto non è stato in grado di tutelare i cittadini agrigentini".

Alla conferenza stampa presente un ragazzo dissidente nei confronti delle battaglie di Arnone, armato di cartellone. Negli uffici del Comune in cui si è svolta la conferenza stampa, presente Nello Hamel, il quale, per qualche minuto, ha voluto sentire le parole di Arnone. Posizioni diverse quelle dei due consiglieri. "La battaglia contro le nuove tariffe la porto avanti usando altri modi e toni, perchè non devo dimostrare niente a nessuno, solo difendere un diritto dei cittadini", afferma il consigliere dell'Idv nella nostra chiacchierata.  

(dbr)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento