Martedì, 23 Luglio 2024
I retroscena

Giunta regionale, Savarino "tradita" dal proprio mentore: aveva già firmato il decreto di nomina .. e poi è stata costretta a fare un passo indietro

Quando, da Roma, Fratelli d'Italia le ha imposto lo stop, la deputata agrigentina si è rifiutata di strappare il carteggio di nomina a membro della giunta Schifani. Poi è stato il governatore a chiederle un passo indietro

"Tradita" dal proprio mentore. "Tradita" dall'ex governatore della Sicilia, Nello Musumeci, di cui è stata alfiere. Mentre l'Agrigentino, quasi nella sua totalità, manifesta - l'abbia votata o meno - sdegno per i "giochetti" della politica, emergono dei retroscena che per il nuovo governo regionale sono tutt'altro che positivi. Lunedì pomeriggio, il deputato agrigentino Giusy Savarino aveva firmato il decreto di nomina ad assessore del Territorio.

Sbloccata la trattativa: la giunta regionale è completa, tagliata fuori nonostante i consensi Giusi Savarino 

Composizione della giunta regionale, è già "terremoto": fuori Giusy Savarino

Quando, da Roma, Fratelli d'Italia le ha imposto lo stop, Savarino si è rifiutata. E lo ha fatto non muovendo alcun passo indietro e non strappando il carteggio di nomina a membro della giunta Schifani. 

Sarebbe stato poi lo stesso presidente della Regione, Renato Schifani, a chiedere a Giusy Savarino di fare un passo indietro. E la deputata agrigentina lo ha fatto. Schifani ci ha provato - tanto è emerso fra i ben informati - a difendere i nominativi inizialmente designati. Non voleva accettare i dicktat di Meloni e La Russa. Poi, però, ha dovuto cedere ed è passata la linea del compromesso con quello che, per Forza Italia, è il principale alleato.   

Regione, Schifani firma il decreto, c'è la nuova giunta: ecco chi sono i 12 assessori

E' certo, comunque la si pensi, che Fratelli d'Italia - "spezzatosi" in più correnti - è uscito logorato da questa trattativa per la nomina degli assessori. Mentre l'area di Musumeci è, di fatto, praticamente disintegrata. 

Oggi verranno eletti i vice presidenti del Parlamento e i membri del consiglio di presidenza. Ruoli a cui, forse inevitabilmente, aspira anche Giusy Savarino, oltre che il ragusano Giorgio Assenza, pure lui tagliato fuori per far posto ai nomi imposti da Roma. Ma non potranno che essere, eventualmente, dei semplici "contentini". 

Giunta regionale: quasi certe le nomine di Savarino e Di Mauro, super favorita anche La Rocca Ruvolo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta regionale, Savarino "tradita" dal proprio mentore: aveva già firmato il decreto di nomina .. e poi è stata costretta a fare un passo indietro
AgrigentoNotizie è in caricamento