Rimosse le carrette del mare dal porto di Lampedusa, Varchi: "Era ora che lo Stato si muovesse"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

On. Carolina Varchi (FdI): Rimozione carrette del mare a Lampedusa, era ora
che lo Stato si muovesse

Dopo le numerose denunce pubbliche ed un'apposita interrogazione parlamentare presentata dalla Deputata nazionale di Fratelli d'Italia, on. Carolina Varchi, sui danni ambientali causati dal riversamento in mare di gasolio proveniente dalle barche dei migranti poste sotto sequestro, finalmente qualcosa sembra cominciare a muoversi con la rimozione
e messa in sicurezza di alcuni natanti.
“Era ora che lo Stato tornasse a Lampedusa per contribuire alla gestione degli effetti collaterali dell’immigrazione incontrollata - afferma l'on. Varchi - ho denunciato in Parlamento il disastro ambientale di qualche settimana fa con lo sversamento del gasolio da
una carretta del mare abbandonata e finalmente oggi si sta procedendo alla rimozione di alcune carrette che tanto danno hanno arrecato anche ai pescatori. Lampedusa non deve sopportare oltre e mi auguro che quello di oggi non sia un caso isolato, ma l’inizio di un percorso virtuoso a fianco dei cittadini”. Non fa mancare il proprio plauso, nei confronti della parlamentare di Fratelli d'Italia, il portavoce provinciale Fabio La Felice: "Voglio congratularmi per il costante impegno profuso dall'on. Carolina Varchi che ha fatto in modo che non si spegnesse mai la luce su una questione di vitale importanza per l'isola di Lampedusa. Come Coordinamento provinciale, continueremo comunque a vigilare".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento