Finanziaria regionale, Pullara: "Non possiamo permetterci di portare alla fame migliaia di famiglie"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Colgo con soddisfazione la sostanziale approvazione della finanziaria regionale, da parte del governo nazionale, costruita per fronteggiare l’emergenza covid e sostenere le categorie che sono state duramente colpite dal lockdown. Ad in intervenire e il Presidente del Gruppo Parlamentare Popolari ed Autonomisti – Idea Sicilia all’Ars.

Solamente un intervento è stato impugnato. Ed in effetti ci stava molto a cuore. Parlo dell’articolo che avrebbe dato sostegno alla categoria degli stagionali. Particolarmente rilevante sul piano sociale ed economico, e numericamente consistente, contando circa 35.000 addetti. In poche parole buona parte dell’impalcatura lavorativa dedita al turismo che in Sicilia, come ben si sa, è uno dei pilastri dell’economia.  Su questo dovremmo fare una battaglia presso il governo nazionale, non possiamo permetterci di portare alla fame 35.000 famiglie.

Sul versante invece di tutte le altre norme approvate, sulle quali abbiamo duramente lavorato e che hanno visto avere la luce numerosi interventi da me in prima persona proposti, chiediamo ora al Presidente della regione e agli assessori, ognuno per la propria competenza, di accelerare quanto più possibile per dare esecuzione alle norme approvate.

Non vogliamo passare – conclude l’on. Pullara- per coloro i quali hanno venduto il libro dei sogni, perché tali non erano, come invece demagogicamente sventolato da qualcuno ed oggi ne abbiamo la certezza. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento