rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Politica

La fibromialgia tra i livelli essenziali di assistenza? La proposta di Catanzaro al governo regionale

Il gruppo Pd all’Ars presenta un’interrogazione e un ddl per riconoscere un contributo ai soggetti affetti da questa patologia

Una patologia ben precisa, la fibromialgia, che ancora manca nel sistema sanitario tra i Lea (Livelli essenziali di assistenza). Non è stata ancora stata inserita ma a pensarci è stato il gruppo del Pd all’Ars che ha ne ha proposto l’inclusione per permettere a tutti i cittadini di ottenere i farmaci e le terapie necessarie attraverso il sistema sanitario pubblico e dunque in modo diffuso e gratuito. 

“Ho presentato - ha dichiarato il capogruppo del Pd all’Ars Michele Catanzaro - con gli altri deputati del mio partito un’interrogazione parlamentare per chiedere al governo regionale di sollecitare la conclusione del processo di inserimento della sindrome fibromialgica tra i livelli essenziali di assistenza”.

La fibromialgia è una patologia reumatica extra-articolare, riconosciuta dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel 1992, caratterizzata da dolore muscolo-scheletrico diffuso, nonché da profondo affaticamento e da numerose altre manifestazioni cliniche a carico di diversi organi e apparati. Attualmente questa patologia interessa in Italia una fascia di popolazione stimata tra 1,5 e 2 milioni di persone.

Nell’interrogazione, rivolta al presidente della Regione Renato Schifani e all’assessore regionale alla Salute Giovanna Volo, si chiedono anche notizie sull'utilizzo delle somme distribuite lo scorso anno dallo Stato alle Regioni per lo studio, la diagnosi e la cura della patologia.

“La richiesta di inserire la fibromialgia tra i Lea è sollecitata da numerosi cittadini e da diverse associazioni, tra queste l’Associazione italiana sindrome fibromialgica ed il coordinamento nazionale della Onlus Cittadinanzattiva. Inoltre – aggiunge Catanzaro - in attesa dell'inserimento della fibromialgia fra i Lea il gruppo Pd all’Ars ha depositato un disegno di legge per riconoscere, attraverso l’istituzione di un fondo regionale da tre milioni di euro, un'indennità ‘una tantum’ ai cittadini residenti in Sicilia affetti dalla patologia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fibromialgia tra i livelli essenziali di assistenza? La proposta di Catanzaro al governo regionale

AgrigentoNotizie è in caricamento