Festa dell'Udc, Decio Terrana: "Situazione politica paradossale"

Il coordinatore regionale: "Non è possibile che gli italiani possano accettare di essere governati da un’espressione che non rappresenta la volontà popolare, né è espressione di un’ideologia"

Decio Terrana

L’Udc Sicilia, guidato da Decio Terrana, è stato presente alla festa nazionale dell’Udc Italia a Fiuggi: due giorni di incontri e di confronto all’insegna della “Forza della ragionevolezza”. Interventi di grande qualità, tavole rotonde tematiche ed ospiti illustri hanno accompagnato i presenti durante la kermesse, uniti nell’unica voce di un rafforzamento di un centro forte e moderato che sia componente fondamentale di una coalizione omogenea di centrodestra. Dopo gli interventi politici di Terrana, del presidente nazionale dell’Udc Antonio De Poli, dei senatori Udc Binetti e Sacconi, della tavola rotonda tra i giovani Udc Italiani, del presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci, dei Forzisti Bernini, Gasparri e Tajani, del leghista Durigon, di Mario Mauro del PPI, del presidente onorario Rocco Buttiglione e del segretario nazionale Lorenzo Cesa, qualunque partecipante alla manifestazione porta con sé un unico messaggio: non si può cedere a ricatti politici di alcuna sorta, il moderato italiano vuole stare lontano da ogni estremismo, riconoscendosi in una forza centrista e moderata che rappresenta da sempre una garanzia di governabilità e di istituzionalità.

"Stiamo vivendo una situazione politica assurda e paradossale – afferma Decio Terrana, coordinatore regionale dell’Udc per la Sicilia, non è possibile che gli italiani possano accettare di essere governati da un’espressione politica che non rappresenta la volontà popolare, né è espressione di un’ideologia politica. I programmi politici non possono essere costruiti secondo convenienza, servono unità di intenti ed i programmi ben impostati che solo una coalizione solida di centrodestra può offrire". All’evento è intervenuto come da programma anche il coordinatore dei giovani Gero Palermo, in una tavola rotonda nella quale 9 rappresentanti dei Giovani Udc da tutta Italia si sono confrontati su diversi temi quale Ambiente, Scuola, Lavoro ed Emigrazione dei Giovani dal Sud assieme all’attrice e conduttrice televisiva Metis Di Meo.

"La massiccia presenza di siciliani alla kermesse è un’ulteriore dimostrazione del buon lavoro che stiamo realizzando in Sicilia – prosegue l’On. Terrana – E’ un grande orgoglio che in più occasioni siano stati ricordati i tanti eventi realizzati sul territorio siciliano e la presenza sul palco di una parte dei Giovani che hanno partecipato il 16 Luglio al nostro evento “100 Giovani per la Sicilia” durante la chiusura della Manifestazione con l’intervento del Segretario Cesa è conferma di quanto l’UDC siciliano abbia oggi grande considerazione a livello nazionale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento