Esecutivo di Anna Alba, il sindaco si "allarga" e nomina tre assessori

L'amministratore ha adottato la facoltà prevista da una recente legge regionale. I componenti della Giunta passano da cinque a sei

Un momento della presentazione dei nuovi assessori

Gli assessori mancanti, da alcuni mesi, sono stati nominati. Il sindaco di Favara, Anna Alba, ha allargato il numero dei componenti dell'Esecutivo di un'altra unità, facoltà prevista da una recente legge regionale, che così passano da cinque a sei. "Ma non ci saranno aumenti di spesa - ha precisato - perché alle nuove indennità di funzione si farà fronte diminuendo quelle che sono in capo a tutti i componenti della Giunta".

I nuovi assessori sono Maria Giudice, Nicola Miceli e Miriam Mignemi che, a detta del sindaco, sarebbero stati scelti dalla società civile. E, in effetti, nessuno di loro è stato in precedenza impegnato in politica. Ma la loro designazione non può non prescindere dalla necessità di ricostituire una maggioranza consiliare. Ieri mattina, dopo avere ricevuto il giuramento, il sindaco, assistito dal segretario generale Simona Maria Nicastro, ha assegnato ad ognuno di loro le deleghe assessoriali. A Maria Giudice, 45 anni, imprenditrice nel settore del sociale, mamma di tre figli, sono state affidate la cultura, i beni culturali, la pubblica istruzione, gli asili nido, le scuole materne con la refezione, gli affari legali, i contratti e il contenzioso, gli affari generali, le politiche per la tutela del consumatore, i rapporti con il consiglio comunale. Nicola Miceli, 42 anni, anche lui sposato con un figlio, laureato in archeologia ed esperto in restauri di beni sottoposti a tutela, con un dottorato di ricerca e una specializzazione conseguiti all'università la Sapienza di Roma, si occuperà di infrastrutture, piano particolareggiato e politiche per il centro storico, pianificazione urbanistica generale ed esecutiva del Prg, edilizia pubblica e provata, politiche comunitarie, progetti strategici per la città, servizi cimiteriali, piano energetico comunale, protezione civile, scambi internazionali. La più giovane dei tre nuovi assessori è Miriam Mignemi, 33 anni, anche lei mamma di due figlie, direttrice della scuola di ballo "Contemporary School Dance" e molto vicina alle dinamiche della Farm Cultural Park essendo nipote di Florinda Saieva che, assieme al marito Andrea Bartoli, ne è stata l'ideatrice. Il sindaco le ha affidato lo sport e lo spettacolo, le pari opportunità, il coordinamento delle politiche giovanili e le startup, la formazione, la consulta cittadina, i rapporti con le associazioni e le comunità religiose, i rapporti con il mondo universitario e studentesco. In considerazione della sua professione, per la prima volta entra tra le deleghe assessoriali anche l'arte e l'innovazione. E sarà lei a tenerle a battesimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento