menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza Coronavirus, la proposta di Spataro: "La gestione della pandemia in città approdi in consiglio"

Il consigliere comunale di Agrigento ha chiesto che l'attuale situazione venga affrontata in aula Sollano

“E’ arrivato il momento che la situazione sanitaria legata al Covid 19 approdi in Aula per comprendere, in modo dettagliato, chiaro e trasparente, la gestione dell’emergenza che ci sta travolgendo”. E' questa la proposta del consigliere comunale Pasquale Spataro. L'agrigentino ha chiesto, a gran voce, che la gestione della Pandemia, venga inserita come punto nell’ordine del giorno della prossima seduta di sala Sollano.

“Si rende necessario avviare un confronto all’interno della massima espressione istituzione cittadina, nell’esclusivo interesse della salute pubblica – afferma Spataro - tenuto conto dell’immobilismo palesato dall’Amministrazione rispetto al continuo e sonoro avanzamento del contagio nel nostro territorio. Il sindaco, su cui grava la responsabilità in materia - aggiunge Spataro - ci dica in aula cosa ha fatto, ma soprattutto cosa non ha fatto, e la linea che intende adottare per porre un freno alla trasmissione dei contagi. Sarà importante capire anche se le forze politiche, presenti a Palazzo dei Giganti, riterranno di avallare o meno una strategia che fino ad oggi, carte e numeri alla mano, ci sta trascinando inesorabilmente verso la zona rossa. Ogni gruppo consiliare sarà chiamato ad assumersi le proprie responsabilità davanti alla città, nella speranza che l’Assise, al termine della discussione, possa approvare un indirizzo unico, a cui il sindaco dovrà attenersi. Senza distinzioni di bandiera. Ciò anche alla luce dei nuovi casi registratisi alla scuola Castagnolo e del Quadrivio con il grido di allarme dei genitori, i quali non mandano in classe i loro i figli. Bisogna dire basta – conclude Spataro -  il Consiglio comunale non può stare a guardare di fronte ad uno scenario così allarmante. Dovrà prendere una ferma posizione per spingere chi ha responsabilità diretta a rivedere questo modo di gestire la pandemia nella nostra città, i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento