rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Regionali Sicilia 2017

Regionali, arrivano Micari e Boschi: "La Sicilia non è un museo da spolverare"

Il candidato governatore del centrosinistra e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio presentano la lista di Psi-Sicilia Futura

“La Sicilia non è un museo da spolverare è un’isola da valorizzare”. Fabrizio Micari e Maria Elena Boschi presentano la lista di Psi-Sicilia Futura ad Agrigento. Insieme ai sei candidati di Agrigento all’Ars, Patrizia Bennici, Salvatore Cascio, Michele Cimino, Giuseppina Limblici, Gioacchino Di Castro, Sabrina Turano, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, dopo essere intervenuta alla presentazione della stanza della memoria di Rosario Livatino, partecipa alla presentazione della lista capitanata da Michele Cimino.

Elezioni regionali, Boschi e Micari in città

“Questa è la mia sesta campagna elettorale – ha detto Cimino - l'esperienza è l'arma per far vincere la Sicilia. Abbiamo visto cosa significa delegare a chi non ha esperienza politica delegare le sorti della città. Per me era più semplice dimenticare la Sicilia e rimanere a Milano ma ho detto 'no' e sono ancora qui per proteggere questo territorio. Fidatevi di chi come me conosce l'Ars e di chi conosce la Sicilia”.

Le video-interviste a Boschi e Micari

Al termine dell’evento tenutosi al cinema Astor, è intervenuto il sottosegretario Boschi, prima di essere assalita dai partecipanti alla presentazione, per fare una foto con l’onorevole del Pd: “È normale che ci sia rivalità, ma la corsa di ogni partito contribuisce alla corsa di tutti – ha spiegato nel suo intervento - . Voglio dire grazie a Sicilia Futura per essere compatta e aver aiutato il Pd nella candidatura di Micari. È fondamentale il lavoro che ognuno di noi svolge. Tutte le battaglie sono difficili - ha aggiunto - ma tutti possiamo fare una mano per il bene della Sicilia. Dobbiamo puntare al voto di opinione. Micari è l'unico elemento di novità di queste elezioni, per questo bisogna convincere gli indecisi a votare per lui. Dobbiamo valorizzare le risorse di questa Regione, per spendere queste risorse servono persone oneste e amministrazioni trasparenti come Fabrizio Micari".

A chiudere l'eveto, il candidato alle Regionali, Fabrizio Micari, che lancia anche l'idea delle Olimpiadi in Sicilia, facendo riferimento al "no" della sindaca di Roma per i giochi nella capitale: "Nel dialetto siciliano non c'è il futuro e io voglio che i siciliani invece ragionino al futuro. Dagli altri candidati leggo ogni giorno solo polemiche e insulti. Avere perso l'occasione di fare le Olimpiadi a Roma è un delitto per tutto il Paese, se ci saranno le condizioni di fare le olimpiadi in Sicilia, questa sarebbe una condizione straordinaria di crescita per questa terra perché questi eventi sono fondamentali, sono degli eventi che rilanciano un paese e che lasciano un risultato straordinario. Il senso della sfida è quella di pensare alla gestione del presente e alla gestione della prospettiva. Ho voluto rilanciare il tema del ponte sullo stretto, per guardare ad una prospettiva, ad una sfida per questa terra, per dei benefici come quelli derivati dal canale di Suez. Per questo motivo bisogna sfruttare la posizione dell'isola, ampliando e sistemando i porti principali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, arrivano Micari e Boschi: "La Sicilia non è un museo da spolverare"

AgrigentoNotizie è in caricamento