menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Morgan (foto Facebook)

Morgan (foto Facebook)

Regionali, un cantautore per Sgarbi? Morgan verso la candidatura

È lo stesso artista a confermare che potrebbe entrare nella squadra di governo se il critico d'arte, candidato alla Presidenza, diventasse governatore: "Cominciamo a fare rivivere i teatri

In passato fu Franco Battiato, adesso c'è un altro cantante pronto a ricoprire l'incarico di assessore regionale. A subire il fascino di Palazzo d'Orleans questa volta è Marco Castoldi, meglio noto come Morgan. È lo stesso artista a confermare - in un'intervista al Corriere della Sera - che potrebbe entrare nella squadra di governo se il critico d'arte Vittorio Sgarbi vincesse la competizione e diventasse governatore. Nulla di ufficiale ancora, ma nella sua carriera Morgan ha abituato i fan ai colpi di scena.

Sgarbi, ex sindaco di Salemi, è fondatore del movimento “Rinascimento” ed è candidato alla Presidenza con il sostegno dell’associazione Moderati in rivoluzione di Giampiero Samorì. 

"Sgarbi piace a tutti - spiega Morgan - la sua iniziativa politica è innovativa e intelligente. Ecco, Vittorio deve essere appoggiato in questo suo progetto e mi sta chiedendo di cominciare dalla Sicilia. Vittorio arriva alla politica dall’insegnamento. E quasi in modo plebiscitario approda alla politica come conseguenza diretta del suo comunicare. Attenzione, però: non comunicare in quanto intortare o incantare, ma comunicare nel senso di trasferire che è ben altro e molto più etico".

Si tratta del terzo nome "eccellente" nell'eventuale Giunta Sgarbi. Nei giorni scorsi il critico d'arte aveva indicato come possibili assessori anche l'ex poliziotto del Sisde Bruno Contrada e l'ex generale dei carabinieri Mario Mori: “Rappresentano - aveva detto - le vittime di un'antimafia farlocca, ideologica, settaria, che ha distrutto la vita di molte persone senza uno straccio di prova ma inseguendo improbabili teoremi, destabilizzando la politica e le istituzioni"

"La Sicilia - aggiunge Morgan - è la culla della cultura. In un Paese che è il più colto del mondo gli unici a non saperlo siamo noi. Io e Vittorio vorremmo che fosse la Sicilia e il suo patrimonio artistico a spingere lo Stivale. Deve essere l’ultimo lembo dell’Italia a dare la scossa a tutto il Paese. La Sicilia è piena di talenti, di artisti. Dobbiamo ricominciare a far rivivere i teatri con una programmazione innovativa. Quindi, valorizzare i luoghi, incentivare gli eventi in ogni angolo dell’Isola".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento