Regionali, Carmelo Pullara: "Desidero proporre soluzioni di sviluppo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Auspico una maggiore fiducia dei cittadini nella politica perché (che le si creda o meno) le prossime elezioni regionali eleggeranno i nuovi deputati che ci governeranno. Chiedo pertanto alla provincia di investire sull'uomo e sulle sue capacità e di avere fiducia nel futuro. 

Auspico nella collaborazione fra politica ed istituzioni, non nella loro contrapposizione e nella complementarietà dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziario.

Con molta chiarezza ho sempre detto di essere contro l'arroganza, l'incompetenza, la strumentalizzazione della giustizia. Desidero ordine per la mia provincia, un rigore nella gestione delle emergenze e la razionalità delle decisioni. Non voglio più assistere allo scempio dei luoghi, all'invasione dell'immondizia delle nostre strade. 

Voglio un salto di sostanza che consenta l'implementazione dei sistemi di stoccaggio, compostaggio e riciclo dei rifiuti ecosostenibile. Credo nella forza della politica come propulsione e spinta per coloro che si adagiano, che non vogliono agire. Voglio accendere il motore della differenziata.

Desidero proporre soluzioni di sviluppo: a Licata i cittadini che sono andati via sono in sostanza circa 16.000 e la provincia la segue con dati altrettanto allarmanti. Il fenomeno dell'emigrazione ha coinvolto non solo i precari di ogni settore, ma anche i giovani che si sono formati a spese del SUD e che oggi arricchiscono economicamente e culturalmente il Nord e l’estero. La fuga ha coinvolto anche i talenti semplici, le braccia, la gente che non ha visto più un futuro per i propri figli ed ha lasciato i campi e la pesca in cerca di guadagni dignitosi ed una vita migliore. Sono partiti interi nuclei familiari, non più solo il singolo. Occorrono allora cambiamenti strutturali, morali, politici ed organizzativi che ridiano speranza e risorse ai tanti giovani e alle loro famiglie che partono per mai più tornare. Agli agricoltori/eroi rimasti dopo la tromba d'aria voglio dare la speranza in una rinascita, vorrei che si partisse progettualmente per creare guadagni continuativi nel tempo, contrastando la concorrenza spietata e sleale dei paesi esteri. 

Nel campo della Sanità i pazienti per i quali si rende necessario il ricovero attendono oggi molto più di ieri, in area di emergenza, per indisponibilità di posti letto sufficienti. Il fenomeno “BOARDING” ossia la lunga permanenza pre-ricovero dei pazienti, abbattuto negli anni 2011/2013, è ritornato a livelli disastrosi: i pazienti che hanno atteso in area di emergenza più di 48 ore per un posto letto sono passati dai 175 del 2013 ai 1.699 del 2015! Per ciò che riguarda l'acqua pubblica, a sei anni dal referendum manca una legge regionale! La precedente legge presentata dal governo uscente è stata quasi del tutto annullata dalla Consulta. Mi batterò' per un ritorno della gestione dell'acqua in mani pubbliche. L'acqua non è un favore ma un diritto dei cittadini!

 Desidero la nostra rivincita in questi settori e in tutti gli altri. Con il saper fare! Non solo con gli slogan! Scegliete un candidato capace ed un presidente che rimetta ordine in Sicilia!

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento