Il boom della Lega a Lampedusa, il parroco: "E' un voto contro l'accoglienza"

Sull'astensione pari a quasi il 74 per cento, don Carmelo La Magra: "Quello che posso percepire è, in generale, che le Europee non sono molto sentite. Poi penso pure che ci sia sfiducia nella politica, almeno per come è stata vissuta fino ad oggi"

Don Carmelo La Magra

E' il tempo delle analisi. E non soltanto a livello nazionale ed europeo, ma anche a livello locale. Il boom della Lega a Lampedusa e Linosa - il partito del ministro dell'Interno ha raggiunto il 45 per cento dei consensi - sembra aver lasciato il segno. Per il sindaco delle Pelagie, Salvatore Martello, "è un risultato che non deve essere sottovalutato. Il primo dato sul quale porre l'attenzione, a mio parere, - ha detto il sindaco Martello - è il record di astenuti, quasi il 74 per cento. Evidentemente - ha commentato - i lampedusani si sentono abbandonati dalle istituzioni e dal Governo".  

Lega da record a Lampedusa, Martello: "Troppi astenuti perché gli isolani si sentono abbandonati"

Ma ci sono anche letture diverse, non squisitamente politiche. Fra queste, quella di don Carmelo La Magra: parroco della parrocchia di San Gerlando di Lampedusa. "Il boom della Lega a Lampedusa? E' un voto contro l'accoglienza. Ma l'accoglienza non danneggia la comunità locale. La gente ha, piuttosto, paura che una cattiva gestione del fenomeno la danneggi anche dal punto di vista lavorativo e turistico". Esempi del genere - danni al turismo - non sono neanche molto lontani nella storia di Lampedusa. 

Bene Bartolo, ma astensionismo esagerato 

Sull'astensione pari a quasi il 74 per cento, don Carmelo ha spiegato: "Quello che posso percepire è, in generale, che le Europee non sono molto sentite. Poi penso pure che ci sia sfiducia nella politica, almeno per come è stata vissuta fino ad oggi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La "pasionaria" di Lampedusa: "Stanchi del buonismo dell'accoglienza"

"Salvini continua a baciare il  crocifisso ma non rispetta il vangelo. Ci troviamo davanti a simboli religiosi e proclami di una persona che nn è coerente" - ha spiegato, all'Adnkronos, don Carmelo La Magra, parroco di Lampedusa, commentando le ultime uscite del vicepremier Matteo Salvini con il crocifisso e il rosario - . "Mi dispiace molto avere visto quelle immagini di Salvini con il crocifisso come se la vittoria di una parte politica fosse una benedizione o una condanna dall'altra parte. I simboli religiosi non appartengono a nessuna parte politica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Bonus vacanze, servirà una "identità digitale" ... e in tanti devono ancora richiederla

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento