menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Speciale elezioni 2015 Agrigento, l'intervista a Silvio Alessi

Cinque dei sette candidati sindaco al Comune di Agrigento hanno rilasciato ciascuno un'intervista ad AgrigentoNotizie in vista delle elezioni amministrative. L'intervista a Silvio Alessi

- Qual è il primo punto che affronterà nel caso in cui venisse eletto sindaco?

È ovvio che bisogna ridare una visione di futuro ad Agrigento. Dobbiamo rendere più vivibile la nostra città per le famiglie, i giovani e gli anziani e rendere Agrigento più accogliente per i turisti. Dobbiamo partire dalla riqualificazione del centro e dei quartieri per dare un nuovo volto alla nostra città e creare nuove prospettive di sviluppo. Un sindaco non può dare lavoro ma può creare le condizioni per il rilancio occupazionale. E questo è quello che faremo perché tutti hanno diritto a crearsi il futuro nella propria terra. Ma, da subito, la nostra attenzione sarà rivolta a quelle tante famiglie agrigentine che hanno serie difficoltà economiche, a quelle famiglie abbandonate dalla politica e dalle Istituzioni. Voglio lottare ogni giorno, senza risparmio di energie, contro povertà ed esclusione sociale, con gli strumenti adeguati, fino a raggiungere obiettivi concreti, fino a migliorare la vita della comunità in cui vivo. Voglio essere un sindaco vicino alle necessità dei più deboli. 

- Come pensa di risanare il bilancio comunale? 

Io non sono un politico, sono un imprenditore. Per questo il mio approccio all’amministrazione di Agrigento sarà concreto e viaggerà sul doppio binario: risanamento del bilancio e rilancio della città. Il mio approccio imprenditoriale parte da un’operazione verità sullo stato della casse comunali, passando per il recupero di somme dalla valorizzazione, ed eventuale dismissione, del patrimonio immobiliare comunale inutilizzato e improduttivo per arrivare alla riorganizzazione della macchina municipale. Attraverso l’ottimizzazione delle risorse umane e tramite l’informatizzazione, gli iter amministrativi verranno velocizzati per rendere un servizio efficiente ed efficace per i cittadini e per tutti coloro i quali intendono investire sul territorio. Con la creazione di un ufficio sanatorie e rendendo efficiente e celere il rilascio delle concessioni aumenteremo in maniera consistente le entrate comunali. Obiettivo: ridurre la tassazione a carico dei cittadini. Ma non ci fermeremo qui. Come si fa con un’azienda non possiamo avere come unico obiettivo il risanamento dei conti ma dobbiamo creare anche occasioni di sviluppo. Servono investimenti sul territorio: l’Ufficio Europa dovrà funzionare seriamente intercettando i tanti fondi messi a disposizione dall’Ue. Per questo abbiamo già presentato una serie di progetti a breve, medio e lungo termine che concretamente permetteranno il rilancio di Agrigento e dei suoi quartieri riattivando anche il tessuto economico locale.  

- Rifiuti e acqua pubblica. Quale sarà la sua posizione in merito a questi due importanti aspetti? 

La gestione dei rifiuti in città, nel tempo, ha visto sempre più appesantire i propri costi e, di conseguenza, le nostre famiglie e le imprese hanno registrato un aumento rilevante delle bollette. Per il sistema di smaltimento dei rifiuti è necessaria una forte spinta in direzione di un uso efficiente della risorsa rifiuto, utilizzando le possibilità che la nuova normativa introduce a partire dagli ARO (Ambiti di raccolta ottimali), puntando  alla raccolta differenziata da iniziare, in via sperimentale, in un quartiere pilota (come, per esempio, lo stesso Centro storico) e poi estendere a tutta la città. Con una ferma volontà politica attiveremo tutti i meccanismi di filiera con il concorso degli enti preposti per garantire il riuso, recupero e riciclo dei volumi utilizzabili per diminuire gli oneri di conferimento in discarica. Questo è tutto immediatamente realizzabile ed è una grande opportunità per rendere più accogliente la città con un evidente risparmio per i cittadini coinvolti attivamente nel processo. Il nostro impegno è anche qui quello di assicurare efficienza ed efficacia ad ogni livello. In merito alla questione idrica, ci impegneremo per ottenere la rivisitazione delle tariffe e l’istituzione di fasce di esenzione totale per i meno abbienti. La mia Amministrazione porrà in essere un’interlocuzione forte con la Regione per assicurare puntualità nei finanziamenti dovuti al settore (come ad esempio quelli riguardante la rete idrica) e un abbattimento del costo dell’acqua da parte del fornitore. Noi faremo sempre gli interessi dei cittadini. 

- Le strade della città sono un colabrodo, che hanno talvolta causato anche delle morti. In molti ritengono sia un problema da affrontare urgentemente. Come pensa di risolverlo? 

Il punto saldo che guiderà la mia amministrazione sarà quello di pensare in grande e di agire con concretezza. Non trascureremo l’attivazione di tutti quegli interventi di riqualificazione per rendere Agrigento una città vivibile e sicura. Per questo abbiamo già studiato azioni di recupero concrete nel centro città e nei quartieri che si possono realizzare subito con piccole spese. Ovviamente lo stato penoso delle strade comunali non può essere più tollerato: la sicurezza stradale interna ed esterna al centro abitato sarà un punto nodale dell'operato della mia giunta dotando il Comune di moderni sistemi di programmazione quali i Piani Urbani del Traffico e affidando a ditte specializzate la cura e la gestione delle manutenzioni delle arterie viarie della grande e piccola viabilità. 

- Qual è il valore aggiunto per il quale gli agrigentini dovrebbero sceglierla? 

Fare l’imprenditore significa soprattutto acquisire un metodo di lavoro che parte sempre dallo studio delle criticità e si concretizza in un progetto strategico che definisce gli obiettivi che si devono raggiungere, che traccia un percorso chiaro e soprattutto che mette in campo una squadra motivata ed efficiente. Da Sindaco è questo metodo che porterò avanti in tutti i settori dell’Amministrazione. E questo è quello che mi distingue dagli altri. Alla politica delle parole, alla politica delle promesse noi rispondiamo e risponderemo sempre e solo con i fatti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento