Confesercenti ai candidati sindaci: "Mancano punti programmatici"

Rampello: "Molte sono le promesse dei candidati e aspiranti a sindaco, ma nessuno spende una parola sulle piccole e medie imprese, tranne uno"

La Confesercenti di Agrigento, per bocca del suo presidente Giuseppe Rampello, accusa la mancanza  di punti programmatici risolutivi a favore della  piccola e media impresa, da parte dei candidati a sindaco della città, a eccezione di uno. Rampello lancia così un appello al futuro sindaco di Agrigento chiedendo l’istituzione di un tavolo tecnico permanente per il rilancio del commercio.

"Una città - si legge nella nota - che dovrebbe essere fiorente solo con il turismo, invece per la scarsa accoglienza causata anche dall’assenza di servizi essenziali, abbiamo solo un turismo di passaggio. Molte sono le promesse dei candidati e aspiranti a sindaco, ma nessuno spende una parola sulle piccole e medie imprese, il rilancio dell’economia cittadina ormai arrivata al collasso si avvia per prima cosa con il Piano regolatore generale e il piano commerciale, il Put  (Piano urbano traffico) e il  rilancio del turismo con istituzione di servizi che sono carenti o del tutto mancanti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento